SPAL – il sogno decimo posto….

Anche se prima serviranno i punti per la certezza della salvezza

A cinque giornate dalla fine del campionato in casa Spal si può accarezzare un sogno: il decimo posto, da cui la truppa di Sempici oggi si trova staccata di appena due lunghezze. Attualmente, a quota 40, sono Fiorentina e Cagliari a giocarsi una posizione che per la formazione ferrarese sembrava un miraggio ad inizio stagione ed ancora di più sei giornate fa, ovvero prima delle striscia di cinque successi su sei gare disputate. In quel momento la Spal infatti occupava, con i suoi 23 punti, il quint’ultimo posto, 13 gradini sotto la Viola decima. Biancoazzurri che quindi non dovranno tirare i remi in barca, prima di tutto perchè non c’è ancora la certezza aritmetica della salvezza, ma anche perchè, prestigio a parte, a un miglior piazzamento in classifica, corrispndono aumenti di contributi, impoetanti in vista di quel mercato cui Vagnati può già iniziare a guardare e magari già iniziare a definire qualche affare. Lo ha sottolineato nell’immediato dopo gara di Empoli anche Walter Mattioli. Poi il presidente non ha nascosto di aver stretto un patto con i giocatori, una sorta di scommessa, con posta in palio in rialzo in relazione al posizionamento di classifica, come dire un premio… Mossa giusta per tenere alta la tensione fino all’ultimo minuto del campionato, con interessi reciproci. Non lo avrebbe ipotizzato nemmeno il più incallito tifosi spallino che a cionque giornate dalla conclusione dell’annata sportiva ci si sarebbe ritrovati a lottare per questo obiettivo, ma ora che la situzione è questa godiamoci il momento sognando come è stato con Roma, Lazio e Juventus, di fare la “festa”, oltre che a Genova, Chievo e Udinese anche a Napoli e Milan che saranno le ultime due avversarie della Spal in quel Mazza che, improvvisamenete è tornato essere un fortino inespugnabile….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *