SPAL: mercato tra sogni e speranze

Tanti contatti avviati, ma difficile chiuderle senza cessioni

Cinque giorni all’inizio del campionato, due settimane alla chiusura del mercato, tanto lavoro per Tarantino, Zamuner e De Franceschi. Numerosi i nomi sui taccuini della troika biancoazzurra. Per la difesa sempre d’attualità i nomi di Capradossi, Berardi e Celi,a resta aperto il sogno Ranieri, che non sta trovando molto spazio in viola. Per il centrocampo Franco Zuculini è un pallino di Tacopina. Piacciono Segre, che il Torino pare essere disponibile a far tornare a Ferrara e Da Riva, tornato alla casa madre Atalanta, dopo una gran stagione a Vicenza. Per l’attacco spunta il nome del capitano del Lecce Marco Mancosu, in rottura con la società salentina. Non è proprio una punta, più un trequartista, ma non sarebbe male vederlo a supporto di Colombo. Il suo curriculum dice tutto: 36 reti nelle ultimi tre campionati, ma la Spal non è l’unica pretendente. In alternativa potrebbe esserci Antonino La Gumina che però nelle ultime stagioni, anche per alcuni infortuni, non è riuscito ad esprimere quel talento di cui indubbiamente è dotato. Le idee quindi non mancano, ma molte operazioni sono condizionate dalle uscite. Per chiudere una buona parte delle trattative abbozzate, la sensazione è che prima dovranno essere operate alcune cessioni. Nella lista dei partenti, oltre a Ellertsson, ci sono gli elementi con gli ingaggi più pesanti, quali Murgia, Missiroli, Di Francesco e Viviani. Non se ne andranno tutti, ma per poter garantire gli indispensabili rinforzi e la conseguente tranquillità a Pep Clotet, almeno un paio dovranno lasciare Ferrara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *