SPAL: ufficializzato Viviano

Nel giorno della ripresa degli allenamenti

(foto sito Spal)

La Spal ha ufficializzato l’ingaggio di Emiliano Viviano l’esperto portiere nato a Fiesole l’1 dicembre 1985, che indosserà la maglia numero “2”. In carriera ha collezionato 234 presenze in serie A e 6 in Nazionale. Ha indossato le maglie di Cesena, Bologna, Brescia, Palermo, Fiorentina, Sampdoria, dove aveva disputato quattro campionati, prima del passaggio in estate allo Sporting Lisbona, squadra con cui non è mai sceso in campo per la nota vicenda legata alla rottura tra la società porteghese e Mihajlovic, che lo aveva convinto a tentare l’avventura lusitana. Innesto indispensabile nella rosa di Semplici, considerate le relative garanzie assicurate da Milinkovic Savic, che tornerà al Torino, con probabile destinazione serie B. La sensazione è che Viviano, nel momento in cui lo staff spallino, sarà certo delle sue condizioni atletiche, da valutare dopo il periodo trascorso ai margini del campo a Lisbona e l’uòtima gara disputata asi difesa dei pali della Samp otto mesi fa, potrà finire con diventare il portiere titolare della Spal. Ora si attendono gli altri movimenti. La società è alla ricerca di almeno un elemento per reparto. Le ooperazioni potrebbero essere condizionate dalla futura sistemazione di Lazzari. Molto probabilmente per l’esterno vicentino sarà siglato un accordo di cessione entro la finestra del mercato che si chiude il 31 gennaio. Lazzari però resterà a disposizione di Semplici per la stagione in corso. La società più vicina a trovare un’intesa con la Spal, pare essere il Napoli, in vantaggio su Lazio e Torino. Difficilmente l’affare andrebbe in porto solo su basi economiche. L’acquirente potrebbe inserire qualche contropartita tecnica, anche con prestiti fino al 30 giugno. In base ai giocatori in arrivo, Vagnati dovrebbe poi cercare di coprire i posti vacanti. Le strategie sono delineate, indispensabile l’ingaggio di un difensore centrale, anche considerano le probabili partenze di Djourou e Simic. Un cemtrocampista in possesso di quel cambio di passo che non possiende nessun elemento attualmente nel gruppo biancoazzurro, che dopo il trasferimento oltreoceano di Everton Luiz, dovrebbe vedere anche la cessione di Viviani. C’è poi il discorso esterni. Si vocifera di un forte interessamento del Verona per Costa. Per le fascie si fanno i nomi Schelotto e Giaccherini, che potrebbero anche essere utilizzati come interni. Infine l’attacco. Si parla sempre di una partenza di Paloschi, con Stepinski o Lapadula come sostituti. La sensazione è che se i candidati si limitano ai giocatori attualnmente in forza a Chievo e Genoa, il potenziale del reparto non andrebbe verso evidenti scossoni. Diciamo che il parco punte è quello che oggi appare meglio assortito, anche se dovesse, come probabile, vedere la partenza di Moncini, distinato a maturare in serie B, dove non mancano gli estimatori dell’ex attaccante del Cesena. Un mercato comunque che non si presenta facile, individuare giocatori in grado di assicurare il salto di qualità in serie A non è infatti per niente semplice, ma Vagnati dovrà cercare di trovare le adeguate soluzioni, visto che, allo stato attuale delle cose, la situazione del parco difensori e centrocampisti non può consentire a Semplici fare sonni totalmente tranquilli. Con il passare dei giorni la lista dei giocatori in esubero nelle squadre di prima e seconda fascia sta arricchendosi di nomi interessanti ed è verso questi obiettivi che il D.S. della Spal potrebbe rivolgere il suo sguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *