SPAL: il dopo Vagnati sarà Zamuner

Ad un passo l’accordo con l’ex centrocampista di G.B.

SpalEra stato inserito nella primissima lista dei papabili alla successione di Vagnati, poi accantonato per personaggi più esperti, fatta eccezione per Balzaretti che non sembrava proprio essere il più adatto, per l’assoluta mancanza di esperienza ed anche per il possibile relativo suo appeal per un ambiente lontano dai grandi riflettori ai quale è sempre stato abituato, alla fine la scelta della Spal, pare proprio essere tornata su Giorgio Zamuner. Un’altra scommessa di Mattioli, dopo quella vincente di Vagnati. Dalla parte dell’ex centrocampista della squadra di G.B. la profonda conoscenza delle vicende spalline, non solo perché a Ferrara vive, ma anche perché da tempo assiduo frequentatore di via Copparo. Sempre in suo favore gli stimoli che questa grande responsabilità gli potrà garantire. Gli interrogativi possono riguardare la relativa esperienza, nulla in serie A e ridotta in cadetteria. Come D.S. Zamuner ha infatti operato, prima del campionato vinto in serie C e successiva retrocessione nel Padova, a Pordenone. Alla Spal lavorerà sotto la quotidiana supervisione del Presidente, probabilmente determinante nella scelta, oltre che sull’ottimo rapporto instaurato con Ruggero Ludergnani, ma molto probabilmente si potrà avvalere anche dell’apporto di un responsabile dello scouting. Certamente avrà poi dalla sua il grande affetto dell’ambiente che mai potrà scordare quel pallone nel “7” incastonato nella, porta del Bologna che lasciò di sasso il buon Cervellati, ma anche quella rete annullata, con il passare degli anni se ne intuirono le ragioni, nel play-off del Bentegodi per quella che sarebbe stata la seconda promozione in B, con il Como. Probabilmente la settimana prossima arriverà la comunicazione ufficiale delle società, a quel punto inizierà la seconda avventura di Zamuner in biancazzurro, certamente molto più impegnativa di quella di quando, al fianco di Brescia e Bottazzi, guidava il centrocampo di G.B. Gli auguri e le speranze sono di rivivere quelle soddisfazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *