STELLA AZZURRA ROMA-KLEB 84-91

STELLA AZZURRA ROMA: Nikolic 3, Jackson 18, Raspino 7, Barbante 4, Marcius 14, Rullo 17, Visentin 4, Menalo 13, Ghirlanda, Maglietti, Blair 4,  Giannozzi.

TOP SECRET: Mayfield 14, Panni 8, Pacher 25, Petrovic 15, Vildera 18,  Fantoni 6, Filoni 5, Vencato, Pianegonda, Bonanni.

Parte bene, poi soffre, alla fine esce alla grandissima e trova il primo successo in campionato, espugnando il campo della coriacea Stella Azzurra Roma: bellissima serata capitolina per la Top Secret, che centra due punti davvero d’oro. Alla fine sarà 84-91.

Vildera, Petrovic e Pacher sono i mattatori dell’ottimo avvio della gara dei biancazzurri, al 7’ avanti 9-20 grazie a capitan Fantoni. La Top Secret difende duramente e attacca con costrutto, pure in avvio della seconda frazione, quando sempre Vildera fissa il 20-31 del 12’. A questo punto la Stella Azzurra recupera, con Menalo, Jackson e Marcius, portandosi avanti nel punteggio per la prima volta al 18’, grazie a Marcius da sotto canestro: 39-37. Buonissimo finale del primo tempo di marca Top Secret, con Mayfield e Pacher bravi a riportare avanti i biancazzurri sul 41-44.

Avvio di ripresa nervoso, Jackson e Menalo sbagliano niente e firmano il controbreak di 12-0 che significa 53-44, ma Ferrara ha Petrovic e Vildera, poi Mayfield, Panni e Pacher (63-61 al 29’). Gara riapertissima. Quando il gioco si fa duro, i duri escono e gli ultimi 10’ vedono una Top Secret super, prima con Fantoni (66-69 e 67-71), poi con le triple di Filoni, Petrovic e Pacher soprattutto. L’ultimo parziale è perfetto e la Top Secret espugna con grande merito il campo della Stella Azzurra. Bene i quattro uomini in doppia cifra. All’MF Palace, domenica, arriverà Ravenna.

“Abbiamo reagito al ko contro Chiusi – dice coach Spiro Leka -, sul -9 o +9 niente doveva cambiare. Con la rotazione a otto giocatori non era facile, ma siamo stati bravi, con più maturità potevamo gestire meglio il secondo parziale, bravi ad accorciare e a giocare con personalità l’ultima parte della gara”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *