Stop al femminicidio anche da commercio e artigianato

No More

Una vetrofania pensata da Udi e che riporta il simbolo della convenzione Onu ‘No More’ sarà esposta nei negozi e nelle aziende artigiane per ricordare che le donne vittime di violenza non devono sentirsi sole.

Nel solo 2013 a Ferrara ci sono state ben 115 donne vittime di violenze e se rapportiamo il fenomeno su base nazionale il femminicidio ha un costo per lo Stato che in un anno arriva ad essere di oltre i 14miliardi di euro.

I numeri li ha snocciolati l’assessore alle pari opportunità della Provincia di Ferrara, Caterina Ferri in occasione della presentazione di una nuova iniziativa che in città diffonderà sempre più capilarmente il messaggio che le donne, se vittime di violenza, non devono sentirsi da sole.

In sala Arengo del Municipio si è tenuta infatti una firma importante fra amministrazioni pubbliche, c’erano anche gli assessori comunali Deanna Marescotti e Chiara Sapigni, con tutte le associazioni di categoria del territorio, Ascom, Confesercenti, Cna e Confartigianato, affinché in ogni attività pubblica sia artigianale che commerciale sia presente una vetrofania che ricorda che per ogni donna che abbia subito una violenza c’è una struttura per assisterle.

L’idea è partita dall’Udi…

La vetrofania, esposta al pubblico da lunedì 25 novembre, la data che l’Onu ha decretato essere la giornata mondiale contro la violenza alle donne, riporta infatti il simbolo della convenzione Onu che si chiama “No More”, cioè mai più un’altra donna vittima di violenza.

Lunedì infatti in qualsiasi negozio o attività artigianale un acquisto o un ordine sarà seguito dalla consegna di un segnalibro che ricorda la convenzione.

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *