Strade più sicure per i motociclisti. In consiglio passa il documento del M5S – INTERVISTE

04 motociclisti guardrail-1Il motociclista è un utente stradale che presenta un indice maggiore di mortalità del 15% rispetto a chi invece percorre le strade in auto.

E secondo un recente studio europeo a questo triste dato si aggiunge che il rischio di mortalità aumenta di un altro 11% se si percorrono strade che sono dotate di vecchi guard-rail. Paradossalmente il vecchio guard rail che dovrebbe proteggere nel corso di un incidente stradale infatti diventa un maggiore pericolo per il motociclista.

A dirlo da diversi anni lo sostiene un’associazione di bikers, l’Ami, l’associazione motociclisti incolumi, che con l’università di Bologna porta avanti questa campagna che nel 2013 è diventata una risoluzione parlamentare del Movimento Cinque Stelle. Un problema che in attesa della normativa nazionale, che sarà pronta nel 2016, ieri il Movimento Cinque Stelle ferrarese ha portato in consiglio comunale affinché l’amministrazione comunale si impegni ad utilizzare i fondi delle multe inferte a chi circola su strada per mettere in sicurezza le strade con guard rail all’avanguardia.

La mozione consiliare l’ha presentata la capogruppo dei grillini estensi, Ilaria Morghen. Una mozione che è stata approvata all’unanimità e che di fatto – sostiene il segretario nazionale di Ami, Marco Comelli, pone Ferrara al primo posto come amministrazione sensibile a questo problema. L’approvazione del documento infatti impegna la giunta ad eseguire lavori di adeguamento delle strade che rendano più sicuro il traffico anche per i motociclisti. Lavori di adeguamento delle strade che saranno eseguiti con un impegno di spesa nel bilancio comunale, ha sottolineato ieri l’assessore ai lavori pubblici, Aldo Modonesi, nel corso della stessa seduta consiliare di 300mila euro.


Un pensiero su “Strade più sicure per i motociclisti. In consiglio passa il documento del M5S – INTERVISTE

  • 13/10/2015 in 19:59
    Permalink

    Benissimo per l’impegno guardrail, speriamo non si perda nei meandri delle pastoie burocratiche e dei frequenti detti degli amministratori ” non ci sono soldi”! Vorrei fare una critica al posizionamento dei dossi artificiali o dissuasori che sono un altro pericolo per i motociclisti, anche presi a velocità “0” si subiscono dei violenti colpi alla spina dorsale e per le auto non servono a nulla, trovo che sia una trovata assurda, ci sono già abbastanza buche ed avvallamenti sulle strade per aggiungere anche questi. Per limitare la velocità è preferibile un autovelox che faccia da deterrente, ma meno pericoloso o dannoso per la salute della schiena.
    Sono un motociclista da 50 anni, ogni volta che passo su un dissuasore penso molto intensamente a chi lo ha fatto installare facendogli tanti complimenti! Ho conosciuto amici che sono caduti!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *