“Stroke” ischemico acuto, S.Anna di Ferrara eccellenza nazionale

ictusL’ictus cerebrale ischemico (“stroke”) dovuto all’occlusione acuta di un’arteria cerebrale può dipendere da diversi fattori e rappresenta la prima causa di disabilità permanente e la terza causa di morte.

Proprio per queste caratteristiche di vera emergenza medica deve essere trattato tempestivamente in strutture organizzate, definite “Stroke Unit”, dove si concentrano tutte le competenze necessarie.

L’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Ferrara è un centro di riferimento non solo provinciale, ma anche regionale ed extraregionale per la terapia dell’ictus cerebrale ischemico in fase acuta; possiede, infatti, tutti i requisiti ministeriali di una Stroke Unit di III° livello.

Oltre ai pazienti della provincia – sempre più frequentemente – vi afferiscono pazienti provenienti dalla Romagna (7 nell’ultimo mese da Cesena e Ravenna) e 2 casi addirittura provenienti da Jesi, quasi tutti trattati con ottimo esito clinico. Si tratta di pazienti di particolare gravità clinica spesso giovani e per il trattamento dei quali sono necessarie competenze ultraspecialistiche, specie di Neuroradiologia Interventistica, non disponibili presso gli ospedali di riferimento.

L’obiettivo della terapia in acuto è quello di ottenere – nel più breve tempo possibile – la riapertura del vaso in modo da ripristinare l’afflusso di sangue al cervello come accaduto per un giovane paziente di 34 anni proveniente dall’ospedale di Jesi che è arrivato al S. Anna di Cona alle 24. Entro un’ora dalla presa in carico da parte dei sanitari è stato sottoposto a procedura angiografica di trombectomia della basilare con completa ricanalizzazione. È stato dimesso dalla Stroke Unit dopo 3 giorni con completo recupero clinico.STROKE TEAM

La “Stroke Unit” ha sede nel reparto di Neurologia ed è altamente specializzata grazie anche alla presenza di specialità come la Neuroradiologia Interventistica, la Neurochirurgia, la Chirurgia vascolare, l’Anestesia – Rianimazione, Pronto Soccorso/118, quindi con un completo ventaglio di possibilità di intervento nella fase acuta.

Oltre alla trombolisi sistemica, con infusione endovenosa di farmaco per sciogliere il trombo, effettuata nella Stroke Unit, si eseguono in emergenza anche interventi endovascolari per rimuovere i trombi dall’interno delle arterie cerebrali attraverso interventi di angioplastica e stenting intra ed extracranici o ancora interventi di chirurgia vascolare sulle carotidi in pazienti rigorosamente selezionati.

Lo stroke team dell’Ospedale di Cona, nato e organizzato per essere sempre attivabile nelle 24 ore, ha raggiunto un livello di competenza, efficienza e risultati nel trattamento in acuto di questa grave patologia cerebrale che solo pochi altri centri a livello nazionale possono vantare

SAMSUNG CSC

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *