Stroncato giro di droga tra i giovani della “Ferrara bene”

Il materiale sequestrato al giovane rodigino

E’ stato stroncato dagli uomini della Guardia di Finanza di Ferrara un giro di droga messo in piedi da alcuni ragazzi definiti dalle stesse Fiamme Gialle, la “Ferrara bene”. Macchine sportive, motociclette costose e locali trendy. Questo l’ambiente in cui girava P.L., studente di ingegneria ferrarese di 21 anni, figlio di un professionista stimato della città, che passava il suo tempo producendo marijuana.

La droga poi veniva spacciata tra gli amici, anche loro della “Ferrara bene”.

Sono 400 i grammi di hascisc rinvenuti dagli uomini della sezione mobile della Guardia di finanza di Ferrara tra i sedili posteriori nell’auto del giovane, diretto ad una villa di Albarella per una breve vacanza. Dalla successiva perquisizione della casa di Ferrara emergevano altri 51 grammi di marijuana, un bilancino di precisione, lampade, termometri e tutti gli strumenti occorrenti per coltivare la cannabis e produrre la droga.

Gli uomini dell’antidroga delle Fiamme gialle sono giunti  al giovane indagando nel mondo dello svago mondano cittadino frequentato da giovani e giovanissimi ferraresi della “buona società ”. Le indagini consentivano di accertare che P.L. si riforniva  da un altro giovane studente universitario  del rodigino, B.U. di 21 anni, anch’ egli insospettabile figlio di una stimata e rispettata famiglia, il quale vendeva 300 – 400 grammi di hashish ogni volta.

I due sono stati arrestati e processati per direttissima dai tribunali di Ferrara e Rovigo.  Le Fiamme gialle stanno vagliando quanto ampio fosse il giro di spaccio  e quanti giovani vi si rifornivano.

Droga e strumenti del "mestiere" sequestrati a P.L.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *