Superstrada, Bellotti (Cna): “Anas riveda programmazione lavori”

“I lavori attualmente in corso sulla Superstrada Ferrara-Porto Garibaldi si concluderanno alla fine dell’estate. Questo sarebbe il programma dell’ANAS, che evidentemente è intenzionata a rovinare la stagione delle vacanze, per l’ennesima volta, a tutto il litorale comacchiese, turisti e operatori compresi. Se questa programmazione verrà confermata, chiederemo risarcimenti adeguati per compensare gli operatori turistici della costa, che subiranno certamente perdite ingenti con una Superstrada interrotta dai cantieri”.

Davide Bellotti, Presidente di Cna Ferrara e imprenditore turistico, scende in campo per denunciare i rischi che ancora una volta sembrano addensarsi sull’estate dei Lidi di Comacchio e del Delta. È stato lo stesso sindaco di Comacchio a informare gli imprenditori nel corso dell’ultima riunione del tavolo del turismo: la prima tranche dei lavori di rifacimento del fondo e del manto stradale dovrebbero concludersi entro giugno. Poi, da giugno a settembre, dovrebbe svolgersi la seconda tranche di lavori, nel tratto da Corte Centrale a Porto Garibaldi. In pratica, durante le vacanze estive ANAS intende rifare proprio il tratto di superstrada più rilevante dal punto di vista turistico.

“Ogni anno è la stessa storia: ANAS programma i lavori sulla Superstrada senza tenere in alcun conto le reali esigenze del territorio e della sua economia – spiega Bellotti – È ora di cambiare metodo: lo diciamo ad ANAS e a chi ha la responsabilità politica delle scelte.  Gli imprenditori e le centinaia di migliaia di turisti che d’estate scelgono la costa di Comacchio e il suo Delta sono stanchi di essere presi in giro”.

Bellotti e Cna non disconoscono affatto l’importanza dei lavori in corso: prevedono infatti l’adeguamento delle barriere di sicurezza, il risanamento profondo di ampi tratti di pavimentazione stradale, il rifacimento del manto: “ma non possiamo credere – conclude Bellotti – che l’unico periodo utile per effettuarli siano i mesi da giugno a settembre, quando la super dei Lidi diventa l’arteria più importante e battuta dal nostro turismo di costa. Questa programmazione va assolutamente rivista, ed è necessario prevedere anche il lavoro notturno, per accelerare i tempi. Chiediamo alle istituzioni locali e regionali di mobilitarsi al fianco delle imprese; e chiediamo ad ANAS di chiudere una commedia degli equivoci che dura ormai da troppi anni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.