Tagliani: nuovi migranti a Ferrara inviati da Salvini

tagliani“Sabato 26 gennaio sono arrivati a Ferrara due immigrati provenienti da Castelnuovo di Porto, inviati, senza avvisare i sindaci, da Matteo Salvini”.

E’ Tiziano Tagliani ad intervenire sul caso con un comunicato inviato alle redazioni.

Il sindaco di Ferrara prosegue sostenendo che, diversamente dal passato, questa volta la Lega delle barricate non si è vista incatenarsi né sbandierare.

Non saranno certo due persone già integrate a Roma – secondo il primo cittadino – a creare problemi alla comunità estense che, come sempre, si dimostrerà disponibile. Tuttavia Tagliani si chiede quale sia la logica del governo che demolisce esperienze positive d’integrazione, mostra alla tv quanto dureranno quaranta migranti in mare a cinque gradi e tace sulle problematiche legate alla rimodulazione degli Spar, smantellando il sistema di accoglienza diffusa, aprendo la strada a grandi concentrazioni di migranti e quindi rischiando di diventare una nuova emergenza.

La situazione – rincara Tagliani – è destinata ulteriormente ad essere aggravata da un Decreto Sicurezza che non prevede per i richiedenti asilo la possibilità di ottenere l’iscrizione all’anagrafe come residenti, con la conseguenza di non poter ottenere documenti idonei al lavoro e l’apertura di conti correnti – oggi obbligatori – per le retribuzioni.

Il sindaco conclude la sua riflessione sostenendo che tutto ciò, avviene con buona pace delle promesse elettorali, ma soprattutto con buona pace dei principi di umanità della nostra Costituzione, della coerenza con le nostre leggi, del rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo e della sicurezza effettiva delle nostre comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *