“Fare tamponi anche a chi non presenta sintomi”: la proposta del Comune di Ferrara, disposto a contribuire alle spese

“Fare più tamponi ed estendere il controllo anche a chi non ha sintomi, potrebbe essere la strada giusta per tentare contenere quanto più possibile il contagio anche nella nostra provincia”. La proposta arriva dal sindaco Alan Fabbri che, in una nota, vorrebbe portare anche a Ferrara la decisione portata avanti dal governatore del Veneto Luca Zaia.

“Diverse Regioni – aggiunge il primo cittadino – stanno valutando come applicare questo modello di contenimento del virus, basato sulla individuazione degli asintomantici”.

Fabbri si augura che anche l’Ausl di Ferrara decida di seguire questa proposta, in quanto la provincia estense è al momento tra le realtà con il minor numero di positivi, in Emilia Romagna, e questo offre un vantaggio che il sindaco non vorrebbe sprecare.

Il Comune di Ferrara si mette a disposizione per contribuire alla spesa per l’acquisto dei tamponi o dei macchinari necessari alle analisi.

“E’ evidente – conclude il sindaco – che in questo screening devono essere compresi, in prima battuta, tutti i sanitari che operano a contatto diretto con i malati e la popolazione”.

23 pensieri riguardo ““Fare tamponi anche a chi non presenta sintomi”: la proposta del Comune di Ferrara, disposto a contribuire alle spese

  • 19/03/2020 in 18:49
    Permalink

    Sarei disposto a pagare per fare il tampone e verificare se sono stato contagiato

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 10:49
    Permalink

    Buongiorno mi sembra una cosa valutata per prevenzione sulla salute di noi cittadini e così ben venga

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 11:14
    Permalink

    Intanto sarebbe meglio aumentare i controlli e punire pesantemente tutti quelli che continuano a girare senza motivo come se gente fosse così i tamponi li pagano loro

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 11:41
    Permalink

    Punizioni severe e divieti assoluti ..anche la spesa va fatta con moderazione ..io l ho fatta 15 gg fa…vista l emergenza impiegano il tempo facendo il pane fatto in casa …..un po di rispetto x medici e forze dell ordine e di ki a causa di incoscienti ignoranti viene contagiato

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 12:07
    Permalink

    Sono assolutamente favorevole al tampone per tutti. A mio parere sarebbe il metodo più efficace per bloccare i contagi.

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 12:13
    Permalink

    Condivido pienamente il pensiero del sindaco.. E soprattutto controlli più restrittivi e severi per chi non rispetta le regole… E dimostra così di non avere rispetto del prossimo..

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 12:52
    Permalink

    Vorrei sapere se è vero che il tampone fatto oggi non esclude che il giorno dopo io possa essere positivo. Perciò si dovrebbe fare un tampone al giorno?

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 15:38
    Permalink

    Sono d’accordo! L’ho pensato subito quando ho saputo che ci sono degli asintomatici del virus che possono contagiare!

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 15:53
    Permalink

    D’accordissimo. Lo sostengo fin dal primo giorno. Ben venga dunque questa ulteriore misura contenitiva!

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 16:34
    Permalink

    Disposta a pagarlo, l’importante è farlo

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 17:09
    Permalink

    Sarebbe una cosa giusta da fare!! Soprattutto nei luoghi di lavoro…. giusto per lavorare con un minimo di tranquillità.. senza avere l’angoscia per 8 ore.. e ovviamente a tutta la popolazione ferrarese!!!!
    spero vada a buon fine tutto questo!!

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 17:35
    Permalink

    Concordo Con l’idea del Sindaco di non sprecare il vantaggio numerico che ora abbiamo… Facciamo test a tutti ed in più opterei per l’utilizzo delle FF. AA. In tutta la provincia per aumentare i controlli stradali delle persone che si muovono in aggiunta opterei per un 30 gg di coprifuoco imposto a tutti i cittadini controllato dai nostri militari di A. M. In collaborazione con le Forze dell’ordine per farlo rispettare…. Così facendo ne usciremo presto da tutto questo…

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 18:11
    Permalink

    La proposta è una cosa molto importante che condivido a pieni voti. Sicuramente si doveva fare molto prima…..cmq meglio tardi che mai…

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 18:23
    Permalink

    Noi della ditta di pulizie dentro all’ospedale sembra siamo l’ultima ruota del carro….spero vivamente che se verremo considerati come “soggetti in prima linea”.

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 19:19
    Permalink

    Personalmente ho avuto un incontro con un chirurgo martedì 17/3/ c.a. E ho ascoltato le lamentele e del chirurgo e della sua equipe. Si dolevano del fatto che anche a loro non era stati fatti il tampone. Oltre il pericolo di infettare una camera operatoria qualora uno di loro fosse portatore sano, il pericolo di allargava a tutte le persone in cura. Non bastano ancora i decessi dei medici????!!!!

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 19:54
    Permalink

    Penso che tutti i cittadini sarebbero disposti a contribuire alle spese pur di sapere se si è contagiati. FATELO

    Rispondi
  • 20/03/2020 in 20:58
    Permalink

    Sono sbalordito nell’ apprendere che agli operatori sanitari non è stato fatto il tampone! Fatelo subito!!!!! Qui il rischio è di rispettare tutti i vincoli a cui siamo sottoposti e poi andare all’ospedale per una qualsiasi evenienza e portarci a casa il virus!
    Mettete subito in funzione quel macchinario arrivato oggi a cona per analizzare i tamponi.

    Rispondi
  • 21/03/2020 in 8:37
    Permalink

    Sono daccordo col sindaco e sono disposta a pagarlo ! Tutti dobbiamo farlo

    Rispondi
  • 21/03/2020 in 19:42
    Permalink

    Sono favorevole..e un po’ che penso che bisognerebbe identificare zone e fare tamponi a tutta la popolazione che vi si trova..poi extrapolando i dati per tutta la nazione si ricavanoi le %che ovviamente vanno interpretate e di conseguenza le strategie da applicare!

    Rispondi
  • 22/03/2020 in 7:47
    Permalink

    Sono d’accordo.
    Dopo i sanitari che quelli sicuramente più esposti lo farei a chi lavora nei supermercati.
    Sempre a contatto con gente che non sa nemmeno cosa sia un metro di distanza!

    Rispondi
  • 22/03/2020 in 9:19
    Permalink

    Basterebbe un tampone a nucleo familiare così si accorciano i tempi delle analisi

    Rispondi
  • 22/03/2020 in 23:32
    Permalink

    Condivido pienamente la proposta del sindaco. Sia io che i miei familiari siamo disposti a farlo.

    Rispondi
  • 26/03/2020 in 23:29
    Permalink

    Se la velocità è la stessa usata per la pulizia delle strade forse a Natale lo abbiamo fatto tutti…forse

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *