Tassa di soggiorno a Ferrara

07 tassa di soggiorno

Arriva in giunta domani il regolamento che dal primo di giugno introdurrà anche a Ferrara la tassa di soggiorno. L’assessore al Turismo Massimo Maisto infatti porterà all’attenzione dell’organo esecutivo la norma che dal primo giugno, se imprenditori e commercianti non troveranno un accordo prima, introdurrà il pagamento di una tassa per chi soggiorna nella nostra città.

Un imposta che applicano quasi tutte i grandi capoluoghi di vocati al turismo come ad esempio Venezia, Firenze e anche Milano e che a Ferrara dovrebbe servire per finanziare i grandi eventi culturali come le mostre a Palazzo dei Diamanti, il Festival Internazionale e la Vulandra.

Una tassa che si paga in base al tipo di stella dell’albergo e che inciderà con una media di due euro e cinquanta al giorno per struttura, mentre per in Bed & breakfast scenderà ad 1 euro e 50 centesimi.

Fino ad oggi i grandi eventi sono stati sponsorizzati quasi interamente dal pubblico, un milione e 350mila euro la voce che incide nel bilancio comunale di Ferrara, che con la crisi e la spending review, fanno sapere dalla giunta, non ci sono più.

“Da mesi abbiamo cercato sponsor privati e altre soluzioni alternative, ma nulla di tutto ciò è arrivato ed ora non ci rimane che procedere in questo modo” spiega l’assessore alla Cultura Massimo Maisto.

“Non ci piacciono le tasse ma non possono continuare a pagare solo tutti i cittadini per gli eventi turistici” aggiunge l’assessore al Bilancio, Luigi Marattin.

Ascom è già sul piede di guerra. Dopo le manifestazioni degli albergatori a Rimini minaccia nuove forme di protesta anche in città.

“La giunta comunale ha una responsabilità politica e morale e con questa decisione si rischia di compromettere un settore già pesantemente provato” aggiunge il direttore di Ascom, Davide Urban.

Dopo l’approvazione della giunta per il regolamento si avvierà l’iter burocratico che dovrà portare il provvedimento davanti al Consiglio comunale, dopo le consultazioni con le associazioni di categoria.

Un pensiero su “Tassa di soggiorno a Ferrara

  • 26/02/2013 in 19:01
    Permalink

    Esempi di neo lingua mistificatrice “Fino ad oggi i grandi eventi sono stati sponsorizzati [perchè sponsorizzati? se esiste un assessorato all’Industria Turistica quale è altrimenti il suo compito ?]1.350.000 € la voce che incide sul bilancio comunale,soldi che non ci sono più” e che dovrebbero “servire per finanziare i grandi eventi della cultura,come le mostre a Palazzo dei Diamanti,il Festival Internazionale e la Vulandra.
    Queste affermazioni meritano delle precisazioni: 1) solo il 10% dei visitatori delle Mostre pernotta in Hotel. Perchè allora addossare alle sole Strutture Ricettive l’intero finanziamento ?
    2)Internazionale dura 2 giorni: quanto costano la sua organizzazione? e i suoi Arci-esperti?
    3)Vulandra non è una manifestazione Turistica e non porta Turisti in città; perchè le sole Strutture Ricettive ne dovrebbero sostenere i costi ?
    Qualcuno provi a rispondere ,poi ne riparliamo.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *