Tavolazzi replica al sindaco

E non si fa attendere la posizione dell’esponente di Progetto per Ferrara, Valetnino Tavolazzi alle dichiarazioni del sindaco, Tiziano Tagliani e chiede che il primo cittadino di Ferrara e il presidente Errani si dimettano per la scelta di Cona e soprattutto per non aver ascoltato  il parere di quei 15mila ferraresi che hanno votato per il referendum sull’ospedale.

“La città è senza ospedale e senza Pronto Soccorso e al suo posto avrà solo villette, negozi, uffici e una clinica privata dal mercato garantito” tuona Tavolazzi che aggiunge: “ In regalo i cittadini hanno ricevuto un nuovo ma già vecchio ospedale a Cona, a 10 chilometri dalla città”.

Tavolazzi aggiunge: “Un ospedale sovradimensionato, costosissimo, che sta causando la fuga dei migliori medici. Un ospedale universitario, che non ha spazi per la didattica e che sarà la tomba della gloriosa facoltà di medicina dell’antico ateneo ferrarese”.

Tavolazzi poi torna sul problema del pronto soccorso e dice “Quartieri interi di Ferrara, a nord e nord-ovest, con decine di migliaia di residenti, hanno subito lo spostamento del pronto soccorso ora raggiungibile in non meno di 20-40 minuti. I tempi di intervento e di terapia per infarti del miocardio, gravi emorragie, politraumi, ictus cerebrali, si sono drammaticamente allungati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *