Attori-detenuti in scena la Teatro Comunale di Ferrara

teatro carcere ubuAndrà in scena al Teatro Comunale di Ferrara, martedì prossimo 5 giugno alle 21, lo spettacolo “Ascesa e caduta degli ubu”.

Protagonisti un gruppo di 14 attori-detenuti della Casa Circondariale di Ferrara e lo spettacolo è prodotto dal Teatro Nucleo con la regia di Horacio Czertok e Davide Della Chiara.

Presentato questa mattina in Teatro, l’appuntamento è la conclusione del progetto condotto nell’ambito del Coordinamento regionale Teatro Carcere, che ha impegnato l’intero gruppo in un laboratorio di una durata di due anni.

Da dodici anni, infatti, nel carcere di Ferrara il teatro è una presenza costante per un gruppo di detenuti che ha fatto di quest’arte una parte della propria vita.

I detenuti partecipanti non sono professionisti, nel senso che non vivono di quello che ricavano dall’attività teatrale, ma lo sono perché nel tempo hanno fatto del teatro un elemento centrale della propria esistenza. 

teatro carcereQuesta è la sola forma di retribuzione che ricevono dal lavorare nel teatro, ma rappresenta una grande ricchezza per ciascuno di loro. Allo stesso modo gli operatori teatrali possono constatare la ricchezza del contributo che il lavoro condotto all’interno della Casa Circondariale dà al teatro, sia in senso metodologico che creativo: il carcere è un mondo a sé, con proprie regole e strutture etiche proprie, ed è stato necessario per gli operatori azzerare certezze acquisite e rinnovare le modalità di confronto, perché le regole dell’arte – rigore, disciplina, solidarietà, responsabilità – potessero agire anche in una situazione particolare come quella della detenzione. La continuità del laboratorio permette inoltre lo sviluppo della sua funzione formativa, essenziale in quanto non esistono luoghi nei quali si possa imparare a fare teatro nelle carceri: si impara facendo. Diversi tirocinanti hanno seguito questo percorso con esiti incoraggianti.

Il Progetto Teatro Carcere

Così il Teatro Nucleo racconta il percorso compiuto in questi anni: “Nel 2009 abbiamo realizzato, con il patrocinio della Regione e del Comune di Ferrara, un forum sull’attività del teatro nelle carceri della regione. Un censimento operato come azione preparatoria mise in evidenza che vi erano diverse strutture impegnate in questo settore, ma tutte agivano in modo isolato e intermittente. Abbiamo invitato al Forum queste realtà perché le attività si conoscessero tra loro e potessero altresì confrontarsi con personale di Giustizia (dalla polizia penitenziaria agli educatori) e con studiosi di 

chiara fama, il tutto sul terreno neutro del teatro Cortázar, sede del Teatro Nucleo. 

I diversi operatori teatrali operanti negli Istituti Penitenziari di Bologna, Modena, Castelfranco, Parma, Modena, Reggio Emilia, Ferrara, Forlì, decisero di costituirsi in un’associazione, che dette vita al Coordinamento Regionale Teatro Carcere, al quale partecipano i gruppi teatrali, gli Assessorati Regionali ai Servizi Sociali e alla Cultura, il Provveditorato regionale dell’Amministrazione Penitenziaria e il DAMS dell’Università di Bologna. A partire dalla costituzione di questa nuova realtà vengono proposti da diversi anni dei progetti coordinati di attività teatrale su base pluriennale, che ogni gruppo affronta in base alle specifiche situazioni in cui opera. ”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *