Teatro Comunale: il presidente Resca conferma le dimissioni

Il Presidente della Fondazione Teatro Comunale Abbado di Ferrara Mario Resca, insieme al cda, ha rassegnato le dimissioni, confermando le indiscrezioni uscite alcune ore prima sulla stampa locale.

La Fondazione, tuttavia, ha voluto fare chiarezza, attraverso il seguente comunicato, a firma del dott. Mario Resca, per il Consiglio d’Amministrazione della Fondazione Teatro Comunale.

Il Consiglio d’Amministrazione, nell’intento di chiarire le illazioni lette a stampa frutto di errate interpretazioni di notizie non ufficiali, onde consentire una corretta informazione su alcuni recentissimi eventi che riguardano la Fondazione del nostro Teatro cittadino, comunica quanto segue:

In data 10/12/2020 il Consiglio, su sollecitazione del socio unico Comune di Ferrara, acquisito uno specifico parere da parte di un legale amministrativista relativo alle procedure giudirico-amministrative da attuarsi, ha attribuito espresso motivato mandato al Presidente della Fondazione di formalizzare un incarico temporaneo a Direttore del Teatro al sig. Moni Ovadia, autore, attore, regista di teatro, fissandone i limiti della durata e del compenso attribuibile. Ciò tenuto conto che il ruolo offerto non si limita alla Direzione Artistica, bensì alla più completa e complessa Direzione Generale del Teatro.

Tale delibera del CdA è stata positivamente accolta al termine della seduta, nel pieno rispetto dello spirito di collaborazione istituzionale tra Teatro ed Ente Comunale, dal vicesindaco Nicola Lodi e dall’Assessore alla Cultura Marco Gulinelli, presenti alla riunione del Cda.

Nei giorni immediatamente successivi alla conferenza stampa tenutasi l’11/12 u.s., il Presidente ha appreso da alcuni rappresentanti del socio unico, dallo stesso Moni Ovadia e dal Presidente di Ferrara Arte che i termini della proposta contrattuale andavano totalmente ridiscussi, con un sensibile aumento del compenso e con un prolungamento del contratto a favore del Direttore, in contrasto con la delega ricevuta sulla base di quanto deliberato dal C.d.A. in forza delle sue competenze.

Risulta pertanto a tutt’oggi non definita la posizione di Moni Ovadia.

In occasione della seduta di CdA tenutasi ieri sera, si è preso atto del preconsuntivo 2020 estremamente brillante, sia sotto l’aspetto artistico-culturale che dei risultati economici.
Il Consiglio ha quindi ritenuto opportuno assumere la seguente determina che si riporta sinteticamente:
Il Consiglio, ritenendo di aver adempiuto al proprio mandato con competenza e senso di responsabilità, nell’interesse esclusivo della Fondazione e quindi del Socio Unico Comune di Ferrara, preso atto delle divergenti determinazioni, dopo ampia discussione, all’unanimità, ritiene corretto e istituzionalmente opportuno rimettere il proprio mandato nelle mani del Sindaco stesso, perché il Rappresentante dell’Amministrazione Comunale possa assumere le determine che ritiene più opportune per il futuro della Fondazione Teatro Comunale.

Ciò deliberato, il Consiglio, d’intesa con il Presidente, dà mandato allo stesso per fissare con il Sindaco del Comune Alan Fabbri, una data prossima di convocazione dell’Assemblea della Fondazione da tenersi entro la fine del corrente gennaio 2021, che, forte di una investitura con espressa fiducia, determinerà i profili soggettivi e oggettivi del prossimo mandato al Consiglio della Fondazione, rimanendo l’attuale Consiglio disponibile a proseguire nella ordinaria gestione della Fondazione fino alla data della nomina del Consiglio formalmente supportato dalla necessaria fiducia del Socio Unico Comune di Ferrara.

Il sindaco Alan Fabbri rende noto tramite nota stampa di aver accettato le dimissioni del Presidente Resca, che ringrazia per il lavoro svolto.

Questo il comunicato del sindaco Alan Fabbri:

“Ringrazio Mario Resca per il lavoro che ha svolto e per l’impegno che ha sempre manifestato. Mi auguro che, a prescindere dalle decisioni personali, che rispetto, voglia continuare a garantire, nelle forme e nelle modalità che riterrà, un contributo alla vita culturale cittadina. Tanto è stato fatto in questi mesi, penso al concerto, storico, di Riccardo Muti, a quello di Maurizio Pollini, alle produzioni streaming, e tv, di Alessandro Baricco e Simone Cristicchi. Per la prima volta dai tempi di Claudio Abbado il Teatro comunale è tornato a produrre progetti artistici propri valorizzando le sue eccellenze. Con ‘Tempo d’estate in Castello’, inoltre, il Teatro è uscito dalle sue mura e si è aperto alla città. La programmazione delle diverse stagioni teatrali ha previsto alcune prime assolute ed ha saputo far fronte alle chiusure e restrizioni decise dal governo. Il 27 di gennaio Moni Ovadia e Corrado Augias parleranno, in uno spettacolo streaming, del valore della memoria, proprio in occasione del ‘Giorno della memoria’. Confido nella collaborazione di tutti per garantire, pur nel cambiamento in corso, continuità ai tanti progetti avviati. Da parte nostra concentreremo l’impegno per assicurare la massima trasparenza delle scelte e la più veloce transizione possibile. E’ inoltre mia intenzione, come fatto fino ad oggi, continuare a garantire piena autonomia decisionale al teatro, per rispetto della Fondazione, per amore della libertà e delle diverse espressioni culturali. Per questo ho voluto scindere la presidenza della Fondazione dalla figura del sindaco, diversamente dalle prassi adottate in passato. Il teatro comunale è una risorsa inesauribile, una grande opportunità per Ferrara e ha una storia gloriosa. Purtroppo la cultura sta subendo le pesanti penalizzazioni di un periodo difficile e colmo di incertezze. Deve essere interesse di tutti lavorare, ancor più in questo momento, per la città, per la cultura e per garantire al nostro teatro il prestigio, l’ottima visibilità e iniziative all’altezza del suo nome e della sua storia”. Così il sindaco di Ferrara Alan Fabbri, prendendo atto della volontà di Mario Resca di rimettere il mandato di presidente della Fondazione Teatro Comunale di Ferrara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *