Teatro palcoscenico di uguaglianza: prima giornata nazionale sulle iniziative d’arte con la popolazione detenuta

Si terrà a Ferrara l’iniziativa di “Teatro come palcoscenico dell’uguaglianza”, la prima “Giornata di incontri, testimonianze, proiezioni e spettacoli sul teatro come strumento di crescita per la popolazione detenuta” in programma per venerdì 13 maggio a partire dalle 10,30.

Gli eventi, organizzati con il patrocinio del Comune di Ferrara e della Fondazione Teatro Comunale di Ferrara e con il contributo dell’assessorato comunale alle Politiche Sociali, sono stati presentati mercoledì 11 maggio nella residenza municipale a cura dell’associazione di promozione sociale AICS Comitato Provinciale di Ferrara, del Teatro Nucleo Ferrara e della Compagnia Stabile Assai Roma.

All’incontro con i giornalisti sono intervenuti gli assessori comunali alle Politiche sociali Cristina Coletti e alla Cultura Marco Gulinelli; la presidente e il rappresentante dell’Associazione Italiana Cultura Sport (AICS) Cinzia Morelli e Amedeo Vancini, il responsabile nazionale sociale Terzo Settore Associazione Italiana Cultura Sport (AICS) Franco Ferioli e il regista e cofondatore Teatro Nucleo Ferrara Horacio Czertok.

“Un’iniziativa di grande valore per il nostro territorio – ha sotttolineato l’assessore Cristina Coletti – dove il teatro va visto come opportunità di cambiamento, di condivisione e di reinserimento sociale dei detenuti. Si tratta di valori non scontati, dove il teatro diventa valido strumento di crescita da un punto di vista umano e sociale. Un mezzo che con le iniziative di venerdì 13 maggio potrà essere conosciuto e approfondito sia attraversio il convegno nazionale dedicato al ruolo della comunità nella giustizia riparativa, sia attraverso i due momenti di condivisione del film scritto e interpretato dai detenuti della casa circondariale di Ferrara e dalla rappresentazione teatrale che verrà messa in scena con la partecipazione degli ex detenuti”.

“Il teatro è il sogno dell’uguaglianza – ha fatto notare l’assessore Marco Gulinelli – dove la rappresentazione spinge il cuore di ognuno di noi a conoscerci e a capire ciò che siamo. Un momento assolutamente importante questo che Ferrara si appresta ad ospitare, dove l’impiego dell’immaginazione degli attori detenuti svolge un ruolo partecipe e catarchico nell’attuazione del percorso per la ricostruzione della persona. La bellezza dell’etica si sposa con l’estetica e coinvoge lo spettatore in quella maniera che solo l’arte riesce a realizzare. La cultura è il luogo comune per sentirsi liberi e, attraverso di essa, per i detenuti che sono naufragati in una situazione di rischio c’è una possibilità di mediazione dove il pregiudizio muore”.

Venerdì 13 maggio alle 10,30 nella sala Consiliare del Comune di Ferrara (piazza del Municipio 2, Ferrara) il regista e cofondatore Teatro Nucleo Ferrara Horacio Czertok parlerà dell’impegno di Teatro Nucleo nelle attività di Teatro in Carcere, nel Convegno “Il Valore del Teatro Sociale e della Drammaturgia Penitenziaria – il ruolo della comunità nella giustizia riparativa”. Interverranno il poeta, attore ex detenuto Edmond Deidda; il deputato e presidente di AICS Nazionale Bruno Molea; il presidente del Coordinamento Teatro Carcere Emilia-Romagna Paolo Billi; l’attrice e pedagogista Tamara Boccia; il regista teatrale della compagnia Stabile Assai Antonio Turco con un contributo del direttore Teatro Comunale di Ferrara Moni Ovadia.

Sarà possibile seguire l’evento anche dalla diretta streaming a cura dell’Ufficio Stampa del Teatro Comunale al link: https://www.youtube.com/user/consigliocomunalefe

Seguirà, alle 15,30, nella Sala Estense (piazza del Municipio 14, Ferarra) la proiezione del film “Album di Famiglia”. Il film, scritto e interpretato dai detenuti della Casa Circondariale C. Satta di Ferrara, tratto dall’Amleto di William Shakespeare, è il risultato delle attività in carcere portate avanti, anche in periodo pandemico, da Horacio Czertok e Marco Luciano di Teatro Nucleo. La regia è di Marco Luciano, a presentarlo interverranno la direttrice della Casa Circondariale C.Satta Ferrara Maria Nicoletta Toscani; il regista, cofondatore Teatro Nucleo Ferrara Horacio Czertok; il regista Teatro Nucleo Ferrara Marco Luciano.

L’ingresso è libero e entrambi gli eventi sono aperti a tutta la cittadinanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.