“Tenda Summer School Junior”: iniziato il campus teatrale al Parco della Rocca di Stellata

Si è aperta con la presenza dello stesso Stefano Muroni, attore e produttore ferrarese, la settimana di campus teatrale ‘Tenda Summer School Junior’ organizzata presso il parco della Rocca Possente di Stellata. Trenta fra bambini e ragazzi avranno da oggi la possibilità di cimentarsi con il mondo dell’arte recitativa, in un percorso che si concluderà venerdì 11 giugno con un piccolo spettacolo messo in scena dai giovani attori alla presenza del sindaco, Simone Saletti.

Durante la giornata d’esordio, ha fatto visita al campus lo stesso Muroni, il quale si è detto entusiasta dell’organizzazione: «In quest’epoca di passioni tristi che dura da più di un anno, è bello pensare che oggi da Bondeno riparte una nuova epoca di passioni gioiose con al centro le nuove generazioni del territorio. Il teatro è dare un barlume di eternità e contribuire alla felicità delle nuove generazioni.

Da Bondeno, oggi, riparte questa rinascita». Soddisfatta anche l’assessore alla Cultura, Francesca Aria Poltronieri: «Siamo orgogliosi che Bondeno sia risultato il primo luogo della Provincia in cui le iscrizioni hanno fatto registrare il ‘tutto esaurito’. Questo è il segno evidente di come la comunità locale sia pronta a recepire gli stimoli culturali, partecipando attivamente alle iniziative proposte.

La competenza dei professionisti a servizio dei giovani è indiscussa – ha ribadito l’assessore –, e per questo sono sicura che la prima edizione del campus sarà un vero successo». I partecipanti alla settimana di teatro matildea svolgono le attività presso il parco della Rocca di Stellata, un luogo già di per sé unico dal punto di vista dell’arte e della cultura, nonché un sito inserito nel patrimonio Unesco “Ferrara Città del Rinascimento e il suo Delta del Po”.

Ogni giorno, bambini e ragazzi avranno la possibilità di mettersi alla prova imparando le tecniche base della recitazione, la capacità di stare su un palcoscenico, di parlare davanti a un uditorio, e di stare davanti alla telecamera. «Tutte competenze assolutamente non banali – ha concluso Poltronieri –, specialmente per quanto riguarda il percorso formativo dei giovani d’oggi. L’arte e la cultura, poi, devono essere pilastri dell’educazione, in tutte le forme nelle quali queste possono esprimersi. Bondeno continua e continuerà a fare la sua parte in tal senso, per offrire il meglio ai suoi giovani cittadini».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *