TENNIS TAVOLO: buone indicazioni dall’avvio dei campionati

Due vittorie e due sconfitte

Tennis Tavolo-Guido CaravitaI campionati a squadre 2015/2016 sono iniziati dispensando molte indicazioni positive al Tennistavolo Ferrara, che nella prima giornata ha raccolto due vittorie, un pareggio e due sconfitte, una delle quali però giunta solo di misura e l’altra mitigata, nell’effetto, dall’ottima prova dei giovani del vivaio. Il club estense ha calato l’asso soprattutto con la sua squadra “A”, che ha debuttato in serie C1 imponendosi a Padova per 5-2 con tripletta di uno spumeggiante Caravita e doppietta del sempre solido Curarati, in un match che alla vigilia si presentava particolarmente ostico e nel quale solo Mugellini, alla fine, non ha festeggiato con punti l’esordio. Sconfitta bruciante, invece, per il secondo team di categoria, che si è arreso solo al termine di cinque ore di battaglia – e per 4-5, dopo essere stato avanti per 4-2 – nel match casalingo con l’Acsi Pisa (due punti per un combattivo e sempre più convincente Gallerani, una vittoria a testa per Sani e per il nuovo acquisto Zannoni).
In serie D1 il Tennistavolo Ferrara, in campo con una formazione rivista rispetto alla promozione della scorsa stagione, ha pareggiato in casa per 3-3 con il Renogalliera Silver: due punti senza set persi per Antonucci e uno per Romagnoli, mentre Sfrisi e Malagù – al debutto assoluto a questo livello – sono rimasti a secco.
In D3 la quarta formazione societaria ha esordito battendo in casa i “cugini” del Reno Centese “B” per 5-1 (nelle file estensi due punti a testa per Faccini e Bianchetti, uno per Benea: di Luparu il successo della bandiera per gli ospiti), mentre ottima – nonostante la sconfitta per 2-4 – è stata la prova del team dei giovani, che ha impegnato notevolmente il Nettuno (in campo tutto al femminile)
con bellissima doppietta di Tommaso Bertelli, cui si è affiancata la caparbia prestazione di Gaia Bertaglia (un successo sfiorato) e la coriacea resistenza di Giovanni Bertelli contro rivali di notevole esperienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *