TENNIS TAVOLO FERRARA: buoni segnali in vista dei campionati a squadre

Dopo i risultati dei primi tornei individuali

I campionati a squadre, che inizieranno nel prossimo fine settimana, si aprono con promettenti premesse per il Tennistavolo Ferrara. I tornei individuali dell’ultimo mese, infatti, hanno dispensato grandi soddisfazioni. L’ultima è arrivata domenica a Sermide, ancora ad opera del baby Pietro Andreoli, vincitore, a dieci anni da poco compiuti, del suo secondo torneo open stagionale di sesta categoria. E di nuovo, come a Vaiano un mese fa, è stato percorso netto: sei vittorie di fila tra fase a gironi ed eliminazione diretta, con un solo match giunto al quinto set e con una prova di grande solidità anche in finale, dove di fronte all’esperto greco Triantafyllopoulos il giovanissimo ferrarese ha saputo imporsi in tre set, tutti conquistati ai vantaggi, a riprova di una tenuta psicologica non comune per un giocatore della sua età. La domenica estense, peraltro, è stata impreziosita da un altro bel risultato: il successo di Marcello Davi nel doppio di sesta categoria, in coppia con Caligaris. Così come non vanno dimenticati altri brillanti risultati colti dal Tennistavolo Ferrara nei tornei settembrini: le semifinali di Guido Caravita nell’open 600 di Siena e di Gianfabrizio Musacchia nel torneo di quinta categoria a Reggio Emilia, i quarti raggiunti da Luca Antonucci e Simone Gallerani nell’open di quarta categoria di Reggio Emilia e, domenica a Sermide, i piazzamenti nei primi otto di Simone Tumiati e di Alessio Giuliani nel torneo di sesta categoria.
Ora, però, tocca ai campionati a squadre, uno degli appuntamenti clou della stagione. Ben sei le formazioni del Tennistavolo Ferrara al via: due in campo nazionale e quattro a livello regionale. Quella di punta (Seidenari, Buzzone, Caravita e il neoacquisto D’Amore, terza categoria ex-Forlì) disputerà la serie B2 con l’obiettivo di difendere la categoria, decisamente impegnativa. Il debutto avverrà domenica, a Mazzano contro il Marco Polo. In serie C1 l’esperto terzetto Curarati-Sani-Gallerani (esordio a Cadelbosco contro l’Arsenal) sembra destinato a un torneo di medio-alta classifica, mentre il team di C2 (Mugellini, Antonucci, Musacchia) punterà in primo luogo alla salvezza. In serie D1 Alessandro Andreoli guiderà una squadra all’insegna dei giovani e dell’entusiasmo (oltre a lui, in campo Pietro Andreoli, Blasi, il nuovo arrivo Zorzan e l’esperto Bianchetti). In D2, infine, saranno due le formazioni societarie ai nastri di partenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *