TENNISTAVOLO FERRARA: bilancio in chiaroscuro

Notizie positive per D1, negative per la C2


Gioie e delusioni, per il Tennistavolo Ferrara, nei play-off promozione di serie C2 e nei play-out salvezza di D1, disputati domenica a Manzolino.
Brinda la squadra di serie D1, che ha prevalso con merito sulla Zinella San Lazzaro (5-3) e sul San Polo (5-2) evitando l’ultimo posto del concentramento fra le terz’ultime dei tre gironi regionali di categoria, piazzamento che l’avrebbe portata alla retrocessione. Inappuntabile, nell’occasione, la prova di Caravita, che ha confermato di essere giocatore di livello superiore siglando tre punti in entrambi gli incontri con un solo set concesso ai rivali di turno. Fondamentale, però, si è rivelato anche l’apporto di Silvia Traversi, che ha messo a segno un paio di doppiette decisive con la “perla” di due vittorie al quinto set nel match con il San Polo, nel quale è riuscita a battere prima l’esperto Ferrarini e poi l’ex terza categoria Piras. Nessun successo, per contro, per Lombardi e Tecchio, che però hanno saputo portare alla “bella” i numeri uno avversari.
Se la terza squadra del Tennistavolo Ferrara si è brillantemente salvata, la formazione “B” societaria ha amaramente perso lo spareggio per l’approdo in C1 contro i padroni di casa della Dynamis. 5-2 per i modenesi il risultato finale, in un incontro nervoso, caratterizzato in primo luogo dalle accese discussioni fra le parti per il materiale di gioco utilizzato da uno degli atleti della squadra di casa, ritenuto irregolare dagli estensi: un fattore che fra conseguenze tecniche e interventi arbitrali ha senz’altro condizionato il clima e l’andamento del match, nel quale, comunque, è emersa in maniera chiara la superiorità del numero uno locale Cancemi (ex seconda categoria), autore di tre vittorie senza set concessi. Per il Tennistavolo Ferrara un punto a testa per Buzzone (sul giovane Bignami) e per Antonucci (ritiro di Corsini).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *