Scossa di terremoto avvertita anche nel ferrarese: magnitudo ricalcolata e abbassata

terremoto sisma scossa

E’ stata ricalcolata in 4,3 la magnitudo del terremoto avvenuto a 11 chilometri da Ravenna, a mezzanotte e 3 minuti, inizialmente era di 4.6.

Una scossa di sisma avvertita distintamente anche a Ferrara e soprattutto nell’argentano e nel medio ferrarese.

Lo rende noto l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) alla luce dei calcoli che vengono fatti dopo le prime stime, date in automatico. Una seconda scossa ha interessato il territorio estense, un quarto d’ora dopo, con epicentro a Lido Estensi di magnitudo 2.1.

Nessun danno ma erano tante le persone scese in strada e che, nel ravennate, hanno preferito passare la notte fuori casa. Le scuole a Ravenna sono rimaste chiuse in via precauzionale e sono stati eseguiti controlli sugli edifici.

Nessun danno, anche ad Argenta dove il sindaco Antonio Fiorentini ha riferito che dopo una mattinata di controlli nelle scuole non è stato notato nessun danno.

Tanta paura insomma per una scossa di terremoto molto forte, avvertita anche a Bologna, nelle Marche e nel Veneto. Era passata da pochi minuti la mezzanotte quando la scossa ha svegliato la Il terremoto è avvenuto in un’area di una zona considerata ad alta pericolosità sismica, ha spiegato l’Ingv.

  • Martedì 15 gennaio ore 10.40

“Da una prima osservazione i siti Unesco della città appaiono integri e senza danni. In giornata verrà fatto un lavoro di screening più approfondito con i vigili del fuoco e la soprintendenza”.

Lo spiega all’ANSA il comandante della polizia municipale di Ravenna Paolo Giacomini, che sta monitorando la situazione nella città romagnola dopo la scossa di terremoto della notte. Ravenna è città famosa in tutto e meta di turisti da tutto il mondo per o monumenti e le basiliche, scrigni di mosaici dell’epoca bizantina, patrimonio mondiale dell’umanità. Tesori d’arte che da un primo controllo, dunque, non sembrerebbero aver subito danni. “Abbiamo fatto un primo controllo agli edifici scolastici e riscontriamo l’assenza danni gravi alle strutture pubbliche.

Aspettiamo un ritorno da quelli privati”. Gli unici danni segnalati riguardano alcuni edifici privati “crepe molto modeste che non mettono in pericolo abitabilità”, dice Giacomini.

  • Martedì 15 gennaio ore 07.30

Il Comune di Ravenna comunica che oggi in via precauzionale le scuole di ogni ordine e grado resteranno chiuse, in seguito alla scossa di terremoto di magnitudo 4.6 avvenuta sul territorio poco dopo la mezzanotte.

Il Comune rendo poi noto che al momento si segnalano danni solo di lieve entità e che non sono pervenute richieste di soccorso: verifiche strutturali sono in corso sulle situazioni segnalate. Nel corso della giornata verranno effettuati controlli su tutti i circa 90 plessi scolastici del territorio comunale.

  • Martedì 15 gennaio ore 00.30

È stata chiaramente avvertita nel ferrarese una scossa di terremoto pochi minuti dopo la mezzanotte.

Il sisma ha avuto epicentro in zona Ravenna, con una magnitudo pari a 4,6 secondo quando segnalato dall’INGV.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *