Terremoto: fondi inutilizzati per la ricostruzione

07 fondi sisma inutilizzatiI fondi ci sono, ma restano in gran parte inutilizzati: accade con gli stanziamenti per la ricostruzione e la messa in sicurezza degli edifici dopo il terremoto del maggio 2012.

Il 7 gennaio il commissario straordinario per la ricostruzione, presidente Errani, firmò un bando che metteva a disposizione circa 70 milioni di euro di fondi dell’Inail, l’istituto nazionale per gli infortuni sul lavoro. Fondi che potevano essere utilizzati, per coprire fino all’80% i costi di messa in sicurezza antisismica dei capannoni, dalle aziende che non avevano subito danni diretti dal sisma 2012. Ad oggi sono state presentate 484 domande di contributo, su questo bando, per soli 17,7 milioni di euro.

E’uno dei temi emersi nel corso di un seminario organizzato da Unindustria Ferrara dedicato alle novità della regolamentazione regionale sui contributi post-terremoto. Le risorse ci sono, le aziende non le chiedono. Forse c’è un problema di scarsa informazione, forse è questione di crisi. I contributi coprono l’80% dei costi sostenuti, il resto è ancora a carico dell’azienda.

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *