Terremoto: scadenze rinviate

Sono 103 i comuni, colpiti dal sisma del 20 maggio scorso, per i quali scatta la sospensione dei versamenti, degli adempimenti tributari e delle cartelle di pagamento: 18 in provincia di Modena, 16 in provincia di Bologna, 34 in provincia di Mantova, 17 in provincia di Rovigo, 12 in provincia di Reggio Emilia e 6 in provincia di Ferrara: si tratta di Bondeno, Cento, Mirabello, Poggio Renatico, Sant’Agostino e Vigarano Mainarda.

A precisarlo è un decreto del ministero dell’economia che spiega di quali tasse e di quali imposte, per famiglie ed aziende, è possibile sospendere il pagamento sino al prossimo 30 settembre.

Per le famiglie che hanno la residenza in questi 103 comuni c’è la possibilità di sospendere il pagamento delle seguenti imposte: la prima rata dell’Imu (previsto il 18 giugno), il pagamento del Consorzio di bonifica e la dichiarazione dei redditi. Per quanto concerne le tasse è possibile sospendere il pagamento del bollo auto e dei rifiuti. Inoltre è possibile una sospensione della rata del mutuo con deroga di 1 anno, ma solo previo accordo con la banca.

Per le aziende, oltre quanto detto, è invece possibile sospendere sino al prossimo 30 settembre, anche il pagamento dell’Iva e l’imposta della camera di commercio. Possibile per le aziende anche sospendere i contributi dei dipendenti di Inps e Inail. Ma i due istituti ancora non hanno dato il loro via libera.

Nell’elenco dei 103 comuni non ci sono le città di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia. La sospensione sarà subordinata alla richiesta del contribuente che dichiari l’agibilità della casa di abitazione o dello studio professionale o dell’azienda. Inagibilità che dovrà essere verificata dal Comune che poi dovrà trasmettere all’agenzia delle entrate. Un comma, questo dell’articolo 3 del decreto che sta facendo perdere sonno agli amministratori dei 4 comuni: il rischio è di far crollare il gettito dell’Imu e di restare senza liquidità. Un incubo che potrebbe essere risolto prima della pubblicazione del decreto in gazzetta ufficiale oramai imminente.

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120606_06.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *