Tiziano Trocchi, nuovo direttore del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara

A partire dal 1° luglio l’archeologo Tiziano Trocchi ha sostituito alla direzione del museo archeologico più importante della regione la dott.ssa Paola Desantis a capo dell’istituto da sei anni.

“Un passo importante per il Museo, commenta il Direttore regionale musei dell’Emilia-Romagna Giorgio Cozzolino, per mantenere una continuità scientifica e di alto profilo professionale dopo il dovuto pensionamento della dott.ssa Desantis che nel corso degli anni ha portato il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, con varie iniziative e mostre, non solo alla ribalta nazionale ma anche a divenire un punto di riferimento culturale sempre più radicato nel territorio e nel cuore del suo pubblico”.

“Questo museo è stato per me, fin da bambina, racconta la dott.ssa Paola Desantis, un istintivo luogo di riferimento. Quando il prosieguo degli studi ha dato una spiegazione a quella che sembrava nell’infanzia una magica suggestione, ho capito come quella gioia che il Museo della città di Spina era in grado di infondere, nascesse dalla consapevolezza delle nostre radici. Un sogno realizzato è stato pertanto quello di arrivare alla Direzione di questo Museo, dopo più di trentacinque anni di carriera ministeriale essenzialmente svolta come funzionario preposto alla tutela di parte del territorio della provincia di Bologna e come Direttore del Museo Nazionale Etrusco di Marzabotto e della città Romana di Claterna. In questi 6 anni di direzione del Museo di Ferrara ho operato nell’ottica di far sì che quella che chiamo la casa degli Etruschi di Spina diventasse un po’ la casa di tutti noi, il luogo in cui indagare il nostro peculiare passato per trovare in esso solidi punti di appoggio. Ringrazio tutti coloro che mi hanno aiutata in questo compito, dai preziosi colleghi, alle numerose associazioni culturali cittadine, prima fra tutte il Gruppo Archeologico Ferrarese”.

Il neo direttore del museo, l’archeologo Tiziano Trocchi, è dal 2012 funzionario presso la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, già Direttore del Museo Nazionale Etrusco di Mazabotto e della città romana di Claterna.

“La direzione del museo archeologico di Ferrara rappresenta per me una tappa fondamentale nel mio percorso ministeriale, dice il dott. Trocchi, sono consapevole dell’importanza che riveste a livello internazionale questo museo, uno dei principali poli nazionali per gli studi etruscologici e per la valorizzazione dello straordinario patrimonio collegato alla scoperta e agli scavi dell’antica città di Spina”.

“Sono molto lieta, aggiunge la dott.ssa Desantis, che il dott. Trocchi sia risultato vincitore del concorso interno bandito per l’incarico di nuovo direttore, sia per le sue grandi capacità scientifiche ed organizzative, che ho avuto modo di conoscere ed apprezzare negli anni di collaborazione sul territorio e nel Museo di Marzabotto, che per le sue grandi doti umane e la capacità di sostenere e coordinare lavori di équipe. Certamente con lui il Museo farà ulteriori passi avanti e sosterrà le sfide sempre più impegnative che le nuove politiche museali giustamente impongono”.

“I progetti avviati da chi mi ha preceduto sono molti e di grande valore, continua il neo direttore, soprattutto quelli messi in campo dalla direttrice Paola Desantis, a cui mi lega una conoscenza professionale di lunga data. La mia volontà è quella di portarli avanti, contando ancora sulla sua collaborazione, e di procedere nel solco tracciato dando il mio personale contributo per una sempre maggior divulgazione e conoscenza del patrimonio eccezionale che il museo custodisce”.

Il passaggio di consegne verrà ufficializzato presso la sede del museo il giorno 14 luglio p.v. alle ore 11:00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *