Torna “Forza Italia”, centrodestra spaccato

Luca Cimarelli
Luca Cimarelli

Il ritorno a Forza Italia, e l’abbandono dell’esperienza del PDL come partito unico del centrodestra è stato sancito oggi nel corso del consiglio nazionale tenutosi a Roma, al termine di un intervento – da circa un ora e mezza – di Silvio Berlusconi.

La platea del Palazzo dei Congressi di Roma ha votato a favore del ritorno alla vecchia denominazione del partito, ma il processo non è stato indolore: Angelino Alfano, Formigoni, Schifani, Luppi e tutta l’ala ‘governativa’ del centrodestra ha fatto sapere che non entrerà nella nuova Forza Italia e oggi non ha partecipato al consiglio nazionale.

A Ferrara che cosa accadrà? Oggi erano due i ferraresi del PDL asl consiglio nazionale di Roma. Luca Cimarelli, coordinatore provinciale del del PDL, e Mauro Malaguti, consigliere regionale.

Spiega Cimarelli: “Ho ricevuto mandato dal consiglio provinciale del partito, a maggioranza, di votare a favore del ritorno a Forza

Alfano a Ferrara (archivio)
Alfano a Ferrara (archivio)

Italia. Rispetto questo mandato, e per questo mi sono presentato a Roma”

Ma non nasconde qualche incertezza rispetto al futuro: “Da oggi io non sono più coordinatore provinciale partito, e per questo posso scegliere liberamente. Se nella nuova forza Italia dovesse prevalere la linea dei cosiddetti falchi alla Santanchè, la linea dell’avanspettacolo contro quella del dialogo e della concretezza, mi sentieri libero di cambiare opinione”

Non era presente invece a Roma Cristiano di Martino, altro esponente di punta del PDL locale, che tuttavia chiarisce: “ per ora rimango nella nuova Forza Italia, l’iniziativa di Alfano mi pare troppo legata alle dinamiche parlamentari”

Un pensiero su “Torna “Forza Italia”, centrodestra spaccato

  • 16/11/2013 in 19:24
    Permalink

    Ora serve chiarezza e organizzazione; stare alla finestra per vedere quale sarà la sponda migliore non mi pare una buona idea, specie per chi si candida ad essere guida dei moderati di Fe e provincia. Il famoso “bene dei cittadini” deve prevalere su calcoli personali. Ne abbiamo già fatto esperienza e non ci piace

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *