Treno a vapore in stazione a Ferrara

treno a vaporeAssociazione Veneta Treni Storici organizza il 26 giugno 2016 un viaggio-avventura con il treno a vapore con bici al seguito attraverso la campagna veneta, il fiume Po fino a Ferrara.

Lo speciale convoglio partirà da Verona alla volta di Ferrara. Toccherà Legnago, Rovigo e Polesella. Qui saranno scaricati i cicloamatori che, con l’aiuto di alcuni volontari locali, raggiungeranno Ferrara seguendo i percorsi FE20 e FE203. Gli altri invece continueranno il loro viaggio a bordo del treno, seduti sugli originali sedili in legno delle carrozze Centoporte degli anni ’30. Alla testa del treno ci sarà la locomotiva a vapore 685 196 del 1920, conosciuta come “la Regina” per la sua eleganza e potenza (ben 1250 cavalli).

Tutto il materiale rotabile è oggi di proprietà di Fondazione Ferrovie dello Stato.

I posti disponibili si sono esauriti in breve tempo; circa cinquecento i partecipanti, di cui centocinquanta muniti di bicicletta.

Di seguito gli orari:

  • partenza da Verona Porta Nuova ore 8.05;

  • arrivo a Legnago ore 9.12

  • arrivo a Polesella e scarico bici ore 10.45;

  • arrivo a Ferrara alle 11.15

  • tempo libero a disposizione fino alle 16.00;

  • rientro a Verona alle 20.00.

Gli orari potrebbero subire modifiche per ragioni di natura tecnico-operativa.

Associazione Veneta Treni Storici è un sodalizio nato nel 1999 per il recupero e il restauro di locomotive, carrozze e carri di interesse storico e per la diffusione della cultura ferroviaria. I soci che ne fanno parte si dedicano a questa attività nel tempo libero, in maniera volontaria e gratuita, spinti solo dalla grande passione per il mondo delle ferrovie.

2 pensieri riguardo “Treno a vapore in stazione a Ferrara

  • 23/06/2016 in 5:08
    Permalink

    È una bellissima iniziativa!!!!! Rifatela.

    Rispondi
  • 24/06/2016 in 11:55
    Permalink

    Un nuovo giorno per la trazione a vapore nel trasporto ferroviario grazie alle associazioni e la Fondazione treni storici FS. Il treno ha unito l’Italia prima dell’automobile.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *