Truffava tramite bancomat: denunciato dalla Polizia Postale

Gli agenti della Polizia Postale di Ferrara hanno individuato e denunciato in stato di libertà un truffatore residente nella provincia di Treviso, per aver attuato la cosiddetta “truffa del bancomat”.

Nello specifico, gli agenti hanno ricevuto una denuncia da parte di un cittadino ferrarese, che aveva inserito un annuncio di vendita in un portale di e-commerce, di alcuni articoli sportivi.

La vittima ha ricevuto una telefonata da parte di un presunto acquirente che si dichiarava interessato all’acquisto dell’arredo e, dopo aver trovato l’accordo, suggeriva al venditore di recarsi presso uno sportello Bancomat al fine di ottenere la somma pattuita.

Seguendo le indicazioni fornite per telefono dal presunto acquirente, il malcapitato ha inserito il bancomat e dopo aver selezionato “ricarica Postepay”, ha digitato ingenuamente le cifre indicate dal malfattore come numero “dell’ordine di acquisto” , per poi confermare l’importo.

A quel punto il falso acquirente, con artifizi e raggiri, ha convinto la vittima che la transazione non era andata a buon fine e con notevole capacità di persuasione, ha indotto il venditore a ripetere l’operazione per diverse volte, su due diverse carte Postpay, facendogli utilizzare altresì due differenti pseudo-numeri di “ordine di acquisto”.

Al termine, la vittima è stata rassicurata del buon fine dell’operazione e certa di aver ottenuto l’accredito della somma spettante, solo dopo qualche ora si è resa invece conto di non aver acquisito alcun accredito di denaro, ma di essere rimasto vittima di una truffa da parte del finto acquirente, che è riuscito così a farsi accreditare la somma di ben 2.700 euro.

Al termine delle indagini, gli agenti della Polizia Postale sono riusciti ad accertare l’identità dell’intestatario della carta prepagata che dichiarava di averla attivata e ceduta ad un suo conoscente in cambio di ospitalità nel suo garage in quanto era senza fissa dimora. L’uomo è stato denunciato alla competente autorità giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *