Truffe agli anziani, due casi in pochi giorni, indagano i Carabinieri

Sono purtroppo due le truffe perpetrate tra il 13 ed il 15 luglio nel comacchiese, ai danni di persone anziane.

In entrambi i casi i malfattori, spacciandosi per addetti al servizio idrico comunale, hanno suonato il 13 alla porta di M.R., 84 enne pensionata mesolana e il 15 a casa di G.G., 79 enne pensionata di Lagosanto (Fe), in entrambi i casi i malfattori hanno invitato le due donne a riporre gli ori di casa all’interno del frigorifero, in attesa di effettuare le verifiche sulla salubrità dell’acqua.

Con pretesti futili hanno distratto le pensionate e sottratto loro ori e contanti, per poi allontanarsi. Le povere malcapitate solo successivamente si sono rese conto di essere state raggirate e derubate e hanno chiamato il 112 per chiedere l’intervento delle pattuglie dell’Arma.

La compagnia dei Carabinieri di Comacchio (Fe) ha avviato le indagini al fine di risalire agli autori delle due truffe, e contestualmente invita i cittadini a diffidare dal far accedere alle proprie abitazioni persone sconosciute o sedicenti emissari di società o enti, in caso di dubbi o perplessità i cittadini sono invitati a contattare tempestivamente il 112 per chiedere consiglio, prima di far entrare gli sconosciuti in casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *