Turismo: prospettive positive per l’estate 2018

Da giugno a settembre negli alberghi italiani e negli esercizi ricettivi complementari si registrano oltre 260 milioni di pernottamenti, più del 60% del totale annuo.

A fare il bilancio è Federalberghi, il cui presidente Bernabò Bocca conferma “una sensazione di ottimismo per una stagione che si preannuncia positiva e che, se il barometro non farà scherzi, potrebbe dare buone soddisfazioni”. Significativo l’apporto degli stranieri: contribuiscono con il 51,3% degli arrivi con un incremento delle presenze del 40% rispetto all’estate di dieci anni fa.

La top five dei clienti affezionati vede ancora una volta in cima alla classifica la Germania (con 6,5 milioni di arrivi durante l’estate), seguita da Stati Uniti e Francia (2,3 mln), Regno Unito (1,9 mln) e Paesi Bassi (1,5).

Durante l’estate le imprese italiane del turismo danno lavoro a più di un milione e duecentomila lavoratori dipendenti, cinquecentomila dei quali occupati con contratto di lavoro a tempo determinato.

Positive le prospettive anche per il territorio emiliano-romagnolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *