Turismo: tornano gli stranieri in Emilia-Romagna

Parte col piede giusto l’estate 2022 per la Riviera romagnola, principalmente grazie al ritorno dei turisti stranieri, agli eventi e anche al meteo ‘tropicale’.

La tendenza arriva dall’indagine Trademark Italia per l’Osservatorio turistico dell’Emilia-Romagna, secondo la quale giugno chiude con un andamento simile (41%) o migliore (45%) rispetto al 2021 per l’86% degli operatori.

Le indicazioni per luglio e agosto sono rassicuranti, spiegano gli analisti, con tassi di occupazione camere in linea con le migliori stagioni balneari.

La clientela italiana resta determinante per la stagione balneare, ma in termini di internazionalizzazione dei flussi turistici l’indagine evidenzia un sostenuto ritorno dei mercati esteri. Il 37% degli operatori intervistati dichiara una crescita della clientela straniera rispetto all’estate scorsa (con un incremento medio del +15%), il 35% si trova in linea con il 2021, mentre c’è un 28% che rileva una leggera flessione.
Per quanto riguarda i mercati di provenienza della clientela internazionale, sono Germania (60%), Svizzera (48%), Francia (24%) e Austria (23%) i principali bacini turistici per la Riviera. Ma c’è anche un 32% di operatori interpellati che dichiara di non ospitare abitualmente clientela internazionale.

Andando ad analizzare i target della clientela, le risposte degli operatori sottolineano come siano sempre le famiglie con bambini la tipologia di ospite prevalente sulla Riviera: lo afferma il 58% dei rispondenti. Seguono le coppie adulte senza figli (18%), le coppie giovani senza figli (15%) e i gruppi di giovani amici (6%).

Per l’assessore regionale al Turismo e commercio, Andrea Corsini, “i numeri sono buoni e fanno ben sperare, anche che se per fare un vero bilancio dovremo aspettare la fine dell’estate. Quello che però possiamo dire è che la stagione balneare sulla costa è iniziata in modo positivo”.

(ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.