TUTTOCUOIO-SPAL: 1-0(1′ Silvestri aut.), verso la fine l’era Brevi, tra i nomi spunta anche Bucchi

image

Senza risultati e gioco cambio allenatore certo

TUTTOCUOIO: Bacci; Falivena, Balde, Ingrosso; Pacini, Dejola, Gargiulo, Dramane, Zanchi; Colombo, Gioe’. All. Alvini
SPAL: Menegatti; Lazzari, Silvestri, Gasparetto, Giani, Legittimo; Capece, Togni, Di Quinzio; Germinale; Fioretti. All. Brevi
Arbitro: Lacagnina di Caltanissetta.

La terza sconfitta consecutiva, che fa precipitare la Spal nella parte bassa della classifica, non potrà piu consentire alla società di rimandare la svolta tecnica. Ormai si può dare per certo che nelle prossime ora sarà annunciato il divorzio con Oscar Brevi. Non resta che attendere il nome del successore, che non è detto esca dalla rosa dei nomi, in particolare Battistini e Semplici, a cui è stato fatto cenno ultimamente, oppure Cristian Bucchi, uscito in queste ore, insieme con almeno un altro papabile, ma più esperto, che non dovrebbe essere Atzori, come da qualcuno ipotizzato, con anche la possibilità, in attesa della pausa natalizia, di un interregno interno. La decisione non sarà comunque presa prima di domenica, quando rientrerà a Ferrara Simone Colombarini. La mancanza di una minima logica di gioco, le continue rivoluzioni tattiche, ma soprattuto la convinzione che l’organico spallino sia superiore ad una quindicina di quelli della categoria, non possono non far ritenere indispensabile decidere il cambio. Venendo alla gara di Pontedera, tutto si decide dopo pochissimi secondi(10), quando Silvestri, nel tentativo di anticipare Gioe’, beffa Menegatti. Dopo i ko con Forlì e Pisa, per i ferraresi inizio peggiore non ci poteva essere ed infatti si è dovuta attendere oltre mezz’ora per assistere alla prima azione degna di nota di una frastornata Spal, quando Fioretti e Germinale non arrivavano su un invitante pallone messo a un passo dalla linea di porta da Lazzari. Ferraresi anche sfortunati, pochi istanti prima dell’intervallo, quando in una mischia, originata da un cross di Togni, con Menegatti, Lazzari e Di Quinzio, l’unico a meritare una stiracchiata sufficenza, Silvestri superava Bacci, ma trovava sulla linea Falivena e Dejola a sostituirsi al portiere. La ripresa vedeva la Spal reagire, almeno sul piano nervoso, ma la prima opportunita era per il Tuttocuoio, che poteva fruire di ampi spazi per le ripartenze ed al 14′ andava vicino al raddoppio quando, per questione di centimetri, Gioe’ non arrivava su un preciso cross di Zanchi. Dopo 2′ Togni lanciava Fioretti che aggirava il portiere toscano, ma si defilava non trovando più lo spazio per inquadrare il bersaglio. Brevi giocava il tutto per tutto inserendo nell’ordine Filippini, Finotto e De Cenco, ma il Tuttocuoio andava vicino al raddoppio con Colombo, migliore in campo in assoluto, che alla mezz’ora sfiorava il palo alla sinistra di Menegatti, che dopo un diagonale di Finotto, respinto con i pugni al 36′ da Bacci, evitava, con un intervento strappapplausi, lo 0 a 2, deviando sul palo un potente e preciso diagonale di Tempesti, pochi istanti prima del triplice fischio di Lacagnina, che sanciva la fine dell’era Brevi.

3 pensieri riguardo “TUTTOCUOIO-SPAL: 1-0(1′ Silvestri aut.), verso la fine l’era Brevi, tra i nomi spunta anche Bucchi

  • 06/12/2014 in 20:29
    Permalink

    GIANNI SIMONELLI O BEPI PILLON e non altri per succedere a BREVI, un inVito da un tifoso lontano e non ferrarese, per risolvere anche la questione non secondaria del gioco scadente oltre la mancanza di risultati.Una scelta giusta oggi per non perdere altro tempo. CIAO A TUTTI FORZA SPAL

    Rispondi
  • 07/12/2014 in 17:38
    Permalink

    L’avevo previsto. Evito i monotoni commenti a una squadra che di squadra non ha niente: niente gioco di squadra, nessuna triangolazione decente, palla lunga e pedalare senza costrutto,punte che non ricevono una sola palla giocabile, centrocampo che non filtra e non costruisce.
    Avevo anche previsto a breve l’esonero di Brevi,e pensare che la squadra potenzialmente è da primo o secondo posto ma è gestita male, e poi Legittimo è imbarazzante e Togni tocca sempre il pallone indietro e non verticalizza, e Germinale e Fioretti sono impalpabili.
    Avrei altre cose da dire, mi fermo.
    Forza Spal sempre.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *