Uccise la moglie 22 anni fa: si cercano indizi

Si sono aperte da 2 mesi le indagini su un delitto risalente al 1990, ben 22 anni fa. Il corpo di Teresa Bottega, all’epoca 35enne, fu gettato dal marito probabilmente in un canale vicino a Bondeno.

Un caso catalogato da sempre come una scomparsa ma in ottobre tutto è cambiato. Il marito della donna uccisa, Giulio Cesare Morrone di 56 anni, in uno scatto d’ira nel marzo del ’90 uccise la moglie nella loro casa in un paese della provincia di Pescara.

Poi Morrone, secondo la sua ricostruzione, caricò il corpo della donna in auto e percorse diversi chilometri, dall’Abruzzo fino nel ferrarese e più precisamente a Bondeno dove si liberò della salma gettandola in un canale.

Tornato a casa l’uomo parlò di allontanamento della moglie. Ai due figli della coppia fu detto dal marito che la madre li aveva abbandonati.

Ma la svolta della vicenda si ebbe quando il sacerdote del paese nel pescarese ricevette una confidenza da Morrone, il quale gli parlò dell’omicidio. Avvertita la Questura di Pescara, sono così partite le indagini in collaborazione con la squadra mobile di Ferrara.

10 giorni fa gli investigatori, tra i quali anche gli agenti dell’ufficio speciale che indagò nel caso Claps, hanno fatto un sopralluogo a Bondeno dove Morrone, ora indagato a piede libero, ha detto di aver gettato il corpo. Gli inquirenti stanno cercando anche negli archivi della Procura di Ferrara, alla ricerca di casi di persone trovate morte nel ferrarese e mai riconosciute.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=120dd979-143b-461f-82b6-35b5e4ec353b&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *