Un alloggio gratuito per le donne vittime di violenza messo a disposizione dalla cooperativa di abitanti Castello

La Cooperativa di abitanti Castello ha deciso di sostenere l’operato del Centro Donna Giustizia di Ferrara mettendo a disposizione dell’associazione un alloggio di 75 mq, già arredato, in comodato d’uso gratuito. “Il consiglio di amministrazione di Castello – spiega il presidente Loredano Ferrari – vuole, con questa iniziativa, dare un segnale concreto in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, una ricorrenza che ogni anno ci richiama alla nostra responsabilità, come cittadini e cooperatori, di fare la nostra parte per contrastare nei fatti la violenza di genere”.

L’alloggio, che si trova in uno degli stabili di proprietà della cooperativa ma il cui indirizzo rimarrà ignoto per motivi di sicurezza, potrà ospitare donne assistite dal Centro Donna Giustizia, che, dopo la fase dell’emergenza, possono così ritrovare la propria autonomia. Il comodato d’uso gratuito avrà, per il momento, una durata annuale.

“Ringraziamo tutti i soci di cooperativa Castello per l’attenzione e la sensibilità dimostrata nei confronti della nostra associazione e delle donne che hanno bisogno di aiuto e protezione – afferma Paola Castagnotto, Presidente del Centro Donna Giustizia di Ferrara –. E’ un segnale di grande disponibilità e va incontro all’esigenza di costruzione di percorsi di semi autonomia e di autonomia per donne che, con i loro figli, possono così uscire dalla violenza”.

“I troppi casi di cronaca di violenza contro le donne – afferma Andrea Benini, Presidente di Legacoop Estense – ci confermano quanto il 25 novembre continui ad essere una giornata necessaria, che però non deve rimanere un semplice momento di commemorazione, ma diventare l’occasione per mettere in campo azioni concrete ed efficaci, come questa iniziativa proposta dalla cooperativa Castello, che si dimostra ancora una volta molto attenta alle problematiche sociali, fornendo un contributo concreto alle persone che necessitano di aiuto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *