Un video del museo di Storia Naturale sulle ricerche nel Delta del Po e a Ferrara celebra sabato 5 dicembre la “Giornata mondiale del suolo 2020”

Che cos’è il suolo? La Carta europea dei (diritti) del Suolo, scritta nel 1972, ci informa che “Il suolo è uno dei beni più preziosi dell’umanità. Consente la vita dei vegetali, degli animali e dell’uomo sulla superficie della terra”. Il suolo è una sottile pellicola che ricopre una parte della superficie dei continenti.

È composto da particelle minerali, sostanza organica, acqua aria ed organismi viventi ed è una risorsa limitata che si distrugge facilmente. Il suolo si forma lentamente attraverso processi fisici, fisico-chimici e biologici, ma può essere distrutto rapidamente in seguito ad azioni sconsiderate.

La sua fertilità può essere aumentata ma, una volta distrutto, il suolo può impiegare secoli per ricostruirsi. Come si valuta lo stato di salute di un suolo? Attraverso un’analisi delle comunità biologiche che nel suolo conducono le loro esistenze.

La Giornata Mondiale del Suolo (#GiornataMondialeSuolo) si celebra ogni anno il 5 di dicembre. Quest’anno lancia la campagna “Manteniamo il suolo vivo, proteggiamo la biodiversità del suolo”. La campagna vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di mantenere gli ecosistemi sani, affrontando le crescenti sfide nella gestione del suolo.

Occorre combattere la perdita di biodiversità, aumentare la consapevolezza del problema e incoraggiare i governi, le organizzazioni, le comunità e gli individui di tutto il mondo a impegnarsi per migliorare la salute del suolo. In occasione di questa Giornata

Il Museo di Storia Naturale di Ferrara, in collaborazione con Associazione Didattica DIDO’ e Università di Parma, ha ideato e realizzato un video sulle ricerche condotte dal Museo, sulla biodiversità del suolo nel Delta del Po e nella città di Ferrara, per evidenziare il valore di questo delicato ecosistema e valutarne la qualità nel territorio.

Il video è visibile sul canale youtube del Museo di Storia Naturale, al link https://www.youtube.com/watch?v=kgmOLytOx2Y

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *