UN WEEK-END RICCO DI APPUNTAMENTI

Il 30 aprile sarà grande festa con il 3° Sport Is Life / Live “ricordando Fabio Falchetti”, giornata di Sport paralimpico ed Inclusione Sociale.

Possiamo dirlo senza timore di essere smentiti, sono stati anni bui ma, finalmente, si vede una uscita, che speriamo non sia oscurata nuovamente, questa volta dall’uomo. Oggi però è tempo di tornare a “vivere” e fare festa tutti assieme, soprattutto assieme alle persone con disabilità, il 15% “viola” della popolazione, persone che più di tutte hanno sofferto le restrizioni alla socialità che la pandemia ha portato come se.
Noi lo facciamo ripartendo da un progetto che avevamo già immaginato per il 2019, portare in Piazza Ariostea la terza edizione della manifestazione di sport ed inclusione sociale “Sport Is Live / Life”, una giornata dedicata al ricordo di Fabio Falchetti.

Perché in Piazza Ariostea? Perché in Piazza Ariostea, tutti gli anni dal 1959, si svolge già una manifestazione sportiva, la più longeva del panorama cittadino, il 1°maggio Ferrara Inline – Trofeo del Lavoro “Città di Ferrara” di pattinaggio corsa su strada, che già da alcuni anni provava a dedicare la giornata antecedente alla promozione del pattinaggio come mezzo green e, soprattutto, per tutti, dando vita ai Ferrara Inline Roller Games. Dall’unità di intenti, dalla consapevolezza che uniti si fa di più e dalla coscienza che la stupenda cornice poteva essere teatro di una manifestazione ancora più importante, ecco lo spostamento, dopo le prime due edizioni vissute al Palaboschetto e in Piazza Municipale.

Sport Is Live / Life è organizzata dal CASP – Centro Avviamento allo Sport Paralimpico di Ferrara, dal CIP – Comitato Italiano Paralimpico di Ferrara e dalla Palestra Ginnastica Ferrara (in qualità di responsabile organizzativa globale della due giorni di sport in Piazza Ariostea), con il fondamentale coinvolgimento di tutte le società sportive che fanno parte dello stesso CASP, che animeranno così la giornata con le loro discipline, che si potranno conoscere, ammirare e provare: CANOA, JUDO, BOCCE, TIRO CON l’ARCO, CANOTTAGGIO, NUOTO, PALLAMANO, DANZA SPORTIVA, ATLETICA, VELA, PALLAVOLO, BASKIN, JU JITSU, ARRAMPICATA, PARAPOWERLIFTING, CALCIO A 5, GOLF, GINNASTICA e PATTINAGGIO!

Si comincerà alle 10 con una mattina rivolta in particolar modo alle scuole, tutte invitate a partecipare; nel pomeriggio si riprenderà poi alle 15 e fino alle 18 sarà festa con la Piazza suddivisa nelle varie aree allestite per le varie discipline, mentre dalle 18 alle 19 spazio a tutta pista per le rotelle per gran finale pattinando tutti assieme, grazie al sostegno della scuola pattinaggio della Rollerblade, che realizzerà il test event dei suoi prodotti. E, proprio dal pattinaggio, arriva il “padrino” della manifestazione, il Bronzo Olimpico Davide Ghiotto, che sarà in piazza per promuovere lo sport tutto come attività inclusiva e di riscatto sociale.

La manifestazione è organizzata in ricordo di Fabio Falchetti, dando nuova luce al memorial che veniva organizzato fino al 2015, con il fondamentale apporto della famiglia Falchetti e della onlus Afrika Twende, di Esse.it computer, T-Per e Banca Centro Emilia. Tra i patrocinatori spiccano la Regione Emilia-Romagna, il Comune di Ferrara, il CONI, la Federazione Italiana Sport Rotellistici, le associazioni benemerite UNASCI, Panathlon e Olimpici e Azzurri d’Italia e, con particolare menzione per la vicinanza al tema, l’AVIS Provinciale e Comunale di Ferrara.

La soddisfazione per l’iniziativa che si sta profilando è già grande, come testimoniato dall’entusiasmo che in questi giorni manifestano il Direttore del CASP Mauro Borghi e del delegato CIP Giuseppe Francesco Alberti, che a questo punto non possono che rinnovare l’invito a tutta Ferrara a partecipare a questa giornata di festa!

“E quindi uscimmo a riveder le Stelle”… quasi 1100 giorni dopo il grande pattinaggio torna in Piazza Ariostea

Una attesa quasi infinita quella per il ritorno in Piazza Ariostea del 1°maggio Ferrara Inline – Trofeo internazionale del Lavoro “Città di Ferrara” di pattinaggio corsa su strada che, causa covid, mancava dal 2019. Una attesa resa ancora più interminabile dal sapere che la Piazza Ariostea rinnovata, l’avevamo lasciata nel mezzo del cantiere che ha consentito di rifarle il look, era lì, pronta e asfaltata di fresco, ma non poteva essere sede di gara per le ovvie ragioni che tutti conosciamo. Ma andiamo per ordine…

Questa del 1°maggio Ferrara Inline 2022 sarà la 63^ edizione Trofeo Internazionale del Lavoro “Città di Ferrara” di Pattinaggio Corsa, la più longeva manifestazione di pattinaggio corsa in Italia, sicuramente una delle pochissime che ancora consente di portare il pattinaggio nelle piazze, nella fattispecie in una piazza simbolo del Patrimonio UNESCO, nonché la più longeva manifestazione sportiva della Città di Ferrara. Siamo stati a lungo incerti se numerare come 61^ o 63^ questa edizione, se considerare dunque le due edizioni virtuali alle quali abbiamo dato vita in questo buio periodo che la pandemia ha calato sulla nostra socialità. Alla fine abbiamo deciso che era giusto includerle nel conteggio: fisicamente non eravamo in Piazza, ma abbiamo fatto di tutto per tenerci uniti, interpreti a nostro modo del motto lanciato dal Santo Pontefice “Nessuno si salva da solo”, contribuendo, anche se con una goccia nel mare, ad aiutare la Croce Rossa Italiana per l’operazione “il tempo della gentilezza” (nel 2020) e AIL – Associazione Italiana contro le leucemie – linfomi e mieloma ONLUS per le attività della Sezione di Ferrara (nel 2021), grazie alle raccolte di crowdfunding lanciate durante le prove virtuali proposte ai nostri tradizionali partecipanti.

La manifestazione agonistica del 1°maggio sarà preceduta il 30 aprile, grazie ad uno storico accordo con il Comitato Italiano Paralimpico di Ferrara, il Centro di Avviamento allo Sport Paralimpico e la Africa Twende Onlus, nella giornata del 30 aprile, dalla 3^ edizione di Sport Is Live / Life – Ricordando “Fabio Falchetti”, una manifestazione di Sport ed Inclusione sociale che, aperta a tutta la cittadinanza, consentirà di venire a contatto con l’incredibile Mondo Paralimpico e le opportunità che Ferrara offre a questi ragazzi per vivere al meglio la loro socialità assieme ai loro coetanei, con la presenza in Piazza di ben 11 diverse discipline! Questa manifestazione assorbe così i Ferrara inline Roller Games, che avevano la stessa finalità ma per il solo mondo rotellistico, dando vita in Piazza Ariostea ad una festa ancora più grande. La parte rotellistica della giornata vedrà anche quest’anno la presenza della Rollerblade con il suo test-event, con istruttori qualificati e campionissimi del mondo dell’inline-skating come Andrea Bighin e una dimostrazione di Roller-Dance con Sabrina Bisanti. Special guest della giornata il Bronzo Olimpico di Beijing 2022 Davide Ghiotto, legato a Ferrara dagli anni di militanza nel team internazionale di corsa su strada che ha rappresentato per lui una rampa di lancio verso il ghiaccio e la pista lunga.

Arriveremo così alla giornata clou, quella del 1°maggio, una giornata che sarà di grande festa, anche se non potrà trascendere dal ricordo. In Piazza, a distanza di tre anni dall’ultima volta, avremo tanti spettatori che ci seguiranno “da lassù”, e permettetemi di elencare alcuni nomi nel ricordo personale. Marco, Sergio, Giorgio, il maestro Andrea Samaritani. Quest’ultimo ancora per quest’anno ha dipinto, con il suo garbo, il nostro sport nel manifesto del Trofeo, con la sua prima foto-dipinta sul pattinaggio, realizzata nel 2016 e rimasta inutilizzata, alla quale finalmente potremo dare la giusta luce. Più di ogni altra cosa non si sentirà una voce che questa manifestazione l’ha raccontata per tanti anni, anche se nelle ultime edizioni non amplificata, da quando mi aveva detto “lo speaker lo faccio ancora, ma non il primo maggio, una giornata così non posso reggerla”. Mancherà la voce di Gilberto Silvagni, ma lo sentiremo comunque in molti.
A “Gilbe” dedicheremo, in accordo con la famiglia e sostenuti dai tanti pattinatori allenati negli anni, un Trofeo, quello che andrà alla prima società in classifica al termine delle gare dei “piccoli”, quindi fino alla categoria ragazzi. Un “memorial” che da molte parti d’Italia hanno detto apertamente di voler portare a casa. L’altro memorial della giornata sarà invece più legato alla storia della manifestazione: anche quest’anno verrà infatti consegnato il “Trofeo Giorgio Burani”, indimenticato Campione del Mondo ferrarese delle rotelle sui 1000 metri. E, proprio per questo, si è pensato di cambiare l’attribuzione del premio, che verrà destinato al vincitore di una “mille” alla quale parteciperanno i migliori 4 junior e 4 senior, secondo la classifica combinata delle due prove di categoria, gara che chiuderà il programma della giornata e alla quale dare una ulteriore premiazione speciale: 6 copie del libro scritto da Leonardo Ghilardi, atleta dello Skating Club Cassano, che, a neppure vent’anni, si è improvvisamente trovato in balia di “Evo”, il suo tumore: un ospite scomodo e crudele, che allo stesso tempo lo ha portato a riscoprire se stesso, a riflettere, a maturare. Libro che oggi serve a perpetrare la sua memoria e raccogliere fondi a sostegno dei progetti di ricerca in ambito oncologico portati avanti dall’Istituto Humanitas di Rozzano.

Il programma agonistico, per il quale sono attesi oltre 500 atleti, avrà inizio il mattino alle 9, con l’obbiettivo di concludere le gare dei “piccoli” poco dopo le 12, concludendo la mattinata con l’immancabile esibizione dei primi passi. Si riprenderà poi con i “grandi”, iniziando con la categoria master, in un pomeriggio molto veloce che vedrà una pausa dall’agonismo solo per far scendere in Piazza i “nostalgici” del pattino tradizionale con l’immancabile RetroRace, cercando di concludere il programma gare verso le 17:30.

In gara attese anche due bimbe ucraine che sono state accolte a Roma, con un progetto portato avanti dalla famiglia dell’Olimpionica Francesca Lollobrigida, andando a collegare questa ospitalità a quella portata avanti dalla Palestra Ginnastica Ferrara, dal 2019 organizzatrice dell’evento, che si sta occupando dell’accoglienza di una delegazione di ginnasti del Centro Olimpico di Kiev.
E, visto che sicuramente ve lo state chiedendo, si: Francesca Lollobrigida, argento e bronzo a Beijing 2022, sarà anche lei in Piazza Ariostea (dove ha vinto il Trofeo nel 2009), per concludere una due giorni di festa, sport, solidarietà, ricordo e, soprattutto RINASCITA.

La manifestazione è patrocina da Commissione Europea, Regione Emilia-Romagna, Comune di Ferrara, Camera di Commercio di Ferrara, Confindustria Emilia Area Centro, Avis Provinciale e Comunale di Ferrara e dalle istituzioni sportive World Skate, CONI, Federazione Italiana Cronometristi, UNASCI, CIP Emilia-Romagna, Panathlon Club Ferrara, Atleti Olimpici e Azzurri sezione di Ferrara e, naturalmente, dalla Federazione Italiana Sport Rotellistici sotto la quale egida si corrono le gare.

A nome personale, e del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, rivolgo il più sincero saluto agli organizzatori e a tutti i protagonisti della 63esima edizione del Trofeo Internazionale del lavoro ‘Città di Ferrara’. Un teatro d’eccezione, Piazza Ariostea, per un evento che coinvolge il meraviglioso mondo del pattinaggio corsa, celebrando il ritorno alla gara in presenza dopo due appuntamenti virtuali.
Il t’ maggio andrà in scena un vernissage diventato tradizione, che ingloba il meritorio progetto Ferrara Inline, con cui lo sport abbraccia la promozione paesaggistica e turistica, oltre a veicolare i valori del nostro movimento radicandoli a livello sociale. La competizione agonistica è solo il tratto dominante di una manifestazione che si propone di favorire il coinvolgimento dei giovani con il programma ‘Primi Passi’, di regalare la vetrina al pattino tradizionale con la ‘Retrorace’ e — sempre all’interno dello stesso progetto — di prevedere la terza edizione di Sport is Live/Life, in memoria di Fabio Falchetti. Un’importante anteprima all’insegna della partecipazione di atleti con disabilità per una festa speciale del pattinaggio nel segno dell’universalità, che è il vero significato dello sport.
Il modo più bello per gratificare i 100 anni della FISR presieduta dal Presidente Sabatino Aracu, una delle realtà più vincenti del nostro movimento, grande interprete delle istanze collettive e protagonista dell’ascesa a livello olimpico della disciplina. Questo Trofeo così longevo e prestigioso, negli anni ha visto primeggiare campioni di prima grandezza e fatto emergere talenti assoluti, dall’alto di una considerazione che è sinonimo di apprezzamento e credibilità.
L’occasione mi consente di inviare il più sentito incoraggiamento agli atleti in gara, con la certezza che sapranno regalarci un’altra indimenticabile pagina di emozioni da ascrivere nell’album dei ricordi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.