Unife: cambio della guardia al vertice

unife
Giorgio Zauli

Il primo novembre è il giorno del cambio della guardia al vertice dell’Università di Ferrara; il professore Pasquale Nappi, giurista, alla guida dell’ateneo estense dal 2010, passerà la mano al professor Giorgio Zauli, direttore scientifico dell’ Istituto Ricerca Materno Infantile Burlo Garofalo di Trieste e ordinario di Anatomia Umana nel dipartimento di Morfologia, Chirurgia e Medicina Sperimentale della nostra Università: il professor Zauli guiderà l’ateneo per sei anni, fino al 2021. È stato eletto il 9 giugno scorso, con 347 voti favorevoli su 659 aventi diritto al voto.

Il nuovo Rettore è nato a Forlì nel 1960, si è laureato in Medicina a Bologna nel 1985; è stato dottore di ricerca a Bologna, poi è arrivato a Ferrara nel 1992 e vi è rimasto, come ricercatore, fino al 1998. Vi è tornato, da docente di Anatomia, nel 2007. Medico, ricercatore, esperto nella gestione dei fondi per la ricerca, impostò la propria fortunata campagna elettorale fra impegno per la valorizzazione della ricerca e necessità di dare un segnale di managerialità alla guida dell’Ateneo.

Ieri intanto il professor Nappi ha chiuso il proprio rettorato con un incontro in cui ha ripercorso i momenti centrali del proprio rettorato, che ha registrato una serie di successi in termini di didattica e di qualità della ricerca, e che ha puntato su tre capisaldi che lui stesso aveva illustrato nelle scorse settimane a Telestense: i rapporti sempre più aperti con la città, la sostenibilità, le pari opportunità.

Intanto si è chiuso in positivo il bilancio 2014 di Unife, con ricavi ben superiori ai costi.  I proventi propri (tra cui rientrano le tasse studenti) sono pari al 15% del totale dei ricavi, mentre il 70% circa è costituito da contributi dal Ministero, dall’UE, dalla regione e da altri enti, anche in virtù di progetti competitivi. Dal 2011 al 2014 l’Ateneo ha erogato ogni anno assegni di ricerca per 5.4 milioni, dottorato di ricerca per 3,25 milioni, 630 mila euro per  la mobilità internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *