Unife, il riconoscimento a Carlo Amadori – VIDEO

Pomeriggio importante ieri per l’Università di Ferrara che ha consegnato, nel Salone d’onore di Palazzo Tassoni-Estense, sede del Dipartimento di Architettura, la Medaglia e il Diploma d’Onore a Carlo Amadori, creatore tra gli altri di una manifestazione molto importante per la città, il Salone del Restauro.

Un lungo applauso ha salutato la consegna della Medaglia e del Diploma d’Onore dell’Università di Ferrara dalle mani del professor Marcello Balzani del Dipartimento di Architettura, in rappresentanza del Rettore Unife, a quelle di Carlo Amadori, ideatore, tra gli altri, del famoso Salone dell’arte del Restauro di Ferrara.

 

 

Amadori, personalità poliedrica e ricca di passioni che spaziano dall’arte, all’archeologia, dal mondo del design all’architettura, si è distinto negli anni, appunto, per aver creato manifestazioni ed eventi culturali e commerciali centrali in Italia e a livello internazionale, per lo sviluppo e la diffusione soprattutto della ricerca nei settori dei Beni Culturali e del Design d’Interni.

Carlo Amadori nacque a Ravenna nel 1942 e, al termine degli studi, si trasferì a San Lazzaro di Savena nel bolognese, dove tuttora risiede. È stato l’ideatore e capo progetto, per conto della Fiera di Verona, della mostra di design, arte, architettura “Abitare il Tempo”. Il suo interesse per l’archeologia, l’arte del passato e l’architettura si è manifestato nell’organizzazione di altre due iniziative: la Biennale di Antiquariato “Tesori dal Tempo” a Verona e, appunto, il Salone dell’arte del Restauro a Ferrara. Quest’ultimo, creato nel 1991, è giunto oggi alla 24esima edizione nell’attuale versione del “Restauro-Musei, Salone dell’Economia della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali ed Ambientali”.

Manifestazione, insomma, diventata punto di riferimento del Mibact e dei principali istituti ed enti italiani ed europei indirizzati ai temi della conservazione e della valorizzazione dei patrimoni culturali e dei sistemi museali, e che negli anni ha visto l’Università di Ferrara e i suoi Dipartimenti particolarmente coinvolti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *