UNITED: uno sguardo alle giovanili

Fari puntati sull’Under 15 di Neli Dobreva

La famiglia United non è solo prima squadra, anzi a dare grandi soddisfazioni ci sta pensando l’under 15 allenata dalla bravissima Neli Dobreva che ha saputo portare i ragazzi ad ottenere la prima vittoria dopo quasi due anni di sole sconfitte in maniera assolutamente non casuale poiché dopo aver “rotto il ghiaccio” i ragazzi stanno inanellando una serie di ottime prestazioni raccogliendo successi.
I miglioramenti sono sotto gli occhi di tutti e a risaltare sono soprattutto gli aspetti umani sui quali la Dobreva punta moltissimo per ottenere poi maggiori soddisfazioni sul campo dai suoi giovani ragazzi che si sono rivelati squadra vera e appassionatissimi a questo bellissimo sport.
Ciao Neli. La seconda fase del campionato ha coinciso con la prima storica vittoria di questi ragazzi che ora sembrano non volersi più fermare. Che cosa è scattato in loro?
Il lavoro paga sempre. L’ho detto sin sa subito ai miei ragazzi e loro sono stati bravi a credere e continuare a lavorare nonostante la difficile prima parte del campionato nella quale avevamo iniziato con tutte sconfitte. Con la prima vittoria poi hanno guadagnato autostima e sicurezza che hanno reso tutto un po’ più semplice.

Su quali aspetti hai maggiormente lavorato?
All’inizio abbiamo lavorato molto sulla tecnica individuale mentre adesso stiamo iniziando ad unire le individualità al lavoro di squadra.

Avete in programma di partecipare a qualche torneo estivo?
L’idea di partecipare a qualche torneo estivo ci sarebbe. Sarebbe bello e costruttivo dare la possibilità ai ragazzi di confrontarsi con altre realtà italiane e non.

Dove potranno arrivare questi ragazzi?
Siamo soltanto all’inizio, è quello che ripeto costantemente alla squadra. La strada è ancora molto lunga e difficile ma se continueranno a mettere gli stessi impegno e passione sono sicura che potranno togliersi tante belle soddisfazioni.

Ora puoi sbilanciarti: come definisci la tua stagione da allenatrice?
Sono molto soddisfatta, sia dai risultati in campo ma anche e soprattutto dal cambiamento di atteggiamento dei ragazzi. Mentre all’inizio per loro era soltanto un hobby ora si sono appassionati, hanno perfino chiesto di allenarsi un giorno in più a settimana. Sono queste le soddisfazioni per un allenatore perché significa aver trasmesso dei valori significativi. Grazie a loro sto crescendo anche io come allenatrice quindi un grazie va ai ragazzi, alla Società e a chi mi ha sempre supportato e continua a farlo.

One thought on “UNITED: uno sguardo alle giovanili

  • 22/03/2019 in 19:55
    Permalink

    I nuovi grandi, sentiremo parlare molto di loro

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *