Ursa, riaperta l’inchiesta

ursa_pp

Una trave difettosa riapre l’inchiesta giudiziaria per i crolli dell’Ursa che il 20 maggio di due anni fa, dopo la scossa delle 4,04, portò alla morte di un giovane operaio magrebino di 29 anni, Tarik Naouch.

Ieri, secondo quanto riporta il quotidiano La Nuova Ferrara, nel corso dell’udienza preliminare davanti al gup Piera Tassoni che doveva decidere per il rinvio a giudizio dei quattro imputati per la morte del giovane operaio, il progettista della strtutura, Pierantonio Cerini di Arezzo, il direttore FRanco Mantero, il costruttore Simonello Marchesini e il collaudatore dell’opera, Mauro Monti.

In aula infatti la parte civile ha presentato dei nuovi rilievi tecnici che ora dovranno essere valutati dalla procura e per questo l’inchiesta viene riaperta.

Tutto rinviato dunque al 23 di ottobre.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *