Vaccino Hpv: non decolla, copertura completa solo al 70% (dati Iss)

vaccino hpv
Campagna vaccino Hpv

Nonostante sia offerto gratuitamente, il vaccino contro il papilloma virus umano (hpv) non ha avuto finora il successo sperato in Italia.

Al 30 giugno 2014, la copertura completa del ciclo vaccinale, fatta in tre dosi, sembra essersi stabilizzata intorno al 70%, non riuscendo a raggiungere l’obiettivo di una copertura del 95% entro 5 anni dall’inizio del programma di vaccinazione, e senza mostrare l’incremento atteso, come emerge dai dati pubblicati dal Reparto di epidemiologia di malattie infettive del Cnesps-Iss con il coordinamento Interregionale della Sanità Pubblica.

Dal rapporto si può vedere che una copertura per ciclo completo di vaccino del 70% è stata raggiunta da 12 Regioni per le ragazze nate nel 1997, da 14 Regioni per quelle nate nel 1998, da 13 Regioni per le nate nel 1999, da 10 per la coorte del 2000 e solo da 6 Regioni per la coorte 2001. Continua inoltre ad essere evidente una grande variabilità tra i dati regionali, visto che si oscilla in media tra il 26% di alcune regioni e l’83% di altre. Quelle in cui più alta è l’adesione al vaccino sono la Toscana, l’Umbria, la Puglia e la Basilicata.

Il vaccino contro l’hpv è offerto gratuitamente a tutte le bambine nel dodicesimo anno di vita in tutte le Regioni italiane dal 2007/2008. Alcune Regioni hanno esteso l’offerta anche alle ragazze di altre fasce di età, mentre l‘Regione Emilia-Romagna offre i vaccini anche alle persone sieropositive, e nel 2014 Veneto e Puglia hanno esteso l’offerta gratuita ai maschi nel dodicesimo anno di vita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.