Valli di Ostellato, la nuova offerta turistica

Quattro valli comprese tra il canale navigale e il canale circondariale divenute oasi di protezione della fauna. Sono le vallette di Ostellato, una lingua di terra e acqua lunga 10 chilometri, mèta di turisti ed amanti dell’ambiente e che da oggi hanno una nuova gestione. Dopo Sorgeva ed in attesa del bando di settembre, il Comune, per mantenere alta l’offerta delle Valli ha ‘spacchettato’ le attività, (turismo e ricettivo, pesca sportiva e gestione piscina) affidandone la programmazione del comprensorio naturalistico a soggetti privati ed associazioni, radicati sul territorio. Escursioni guidate nell’oasi a piedi e in bici, massima collaborazione con gli astrofili (ad Ostellato c’è l’osservatorio) senza dimenticare il mondo della scuola con le attività didattiche e ricreative: questi gli obbiettivi della cooperativa Atlantide, titolare di una agenzia viaggi con uno staff di 5/6 persone a disposizione dei turisti. Immersa nel verde dell’Oasi c’è anche la piscina, un punto ristoro ed un’area picnic. A gestire la pesca sportiva sarà la Fipsas. Le valli di Ostellato già lo scorso settembre ospitarono i campionati di pesca sportiva con 40 nazioni partecipanti e presto questo campo, il più lungo del mondo (con i suoi circa14km) ospiterà un altro mondiale. A novembre poi si terrà la prima gara di pesca pro-terremotati, mentre la seconda gara si terrà la prossima primavera al Cavo Lama di Novi di Modena.

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120621_09.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *