Vaticano record per il consumo di vino

Piazza-San-Pietro-2
E’ il Vaticano lo Stato in cui si registra il più elevato consumo di vino al mondo: lo afferma una ricerca effettuata dal Wine Institute della California. In Vaticano – il più piccolo Sato del mondo, come si sa, con una popolazione di appena 836 abitanti – il consumo annuo di vino pro capite ammonterebbe a 74 litri l’anno.

Molto distanziati gli altri Paesi consumatori: il secondo consumatore di vino al mondo, secondo la ricerca del Wine Institute, è Andorra: il piccolo Stato dei Pirenei – 85000 abitanti – registrerebbe un consumo pro capite di ‘appena’ 46 litri l’anno; la Francia, terza classificata, di 44. Il nostro Paese si classifica al nono posto con 37 litri di vino consumati l’anno. I dati utilizzati dal Wine Institute risalgono al 2012.

Come si spiega l’elevatissimo dato del Vaticano? Forse – si legge nella ricerca americana – con il fatto che gli 836 cittadini del Vaticano sono tutti adulti e in età avanzata, quindi con una maggiore propensione al consumo di vino.

Più probabilmente però, il dato rilevato dal Wine Institute è legato alla presenza, in territorio Vaticano, del cosiddetto Spaccio dell’Annona, un supermercato in cui il vino può essere acquistato a prezzi molto convenienti perchè sottoposto a una tassazione molto inferiore a quella italiana. A questo supermercato possono accedere anche – con regolare permesso – nolti cittadini italiani, i cui acquisti fanno certamente lievitare i consumi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.