Grande successo per il primo raduno nazionale delle Vespe a Copparo – VIDEO

Copparo invasa pacificamente dalle Vespe, ieri, per il primo raduno nazionale che ha richiamato in piazza del Popolo quasi 300 appassionati da tutta Italia.

 

 

Un rumore inconfondibile, riconosciuto in tutto il mondo, musica per le orecchie dei 270 iscritti di tutte le età che hanno partecipato, domenica mattina, al primo raduno nazionale delle Vespe a Copparo graziato dal maltempo degli ultimi giorni.

Di tutti i tipi e di tutti gli anni, dalla fine degli anni ’40 fino alle annate più recenti, in piazza del Popolo alle 8.30 si sono radunate Vespe e appassionati da tutta Italia, persino dalla lontana Bolzano. Dai cinquantini fino ai 200 di cilindrata, alcune Vespe erano personalizzate senza però snaturare l’originalità di uno dei mezzi più famosi al mondo, fiore all’occhiello del Made in Italy.

raduno copparo vespe vespaOrganizzato dal Vespa Club Copparo, rifondato dopo 43 anni, e con il patrocinio del Vespa Club Italia e del Comune di Copparo, al primo evento nazionale hanno partecipato anche altri club ferraresi. Il percorso di circa 40 chilometri ha portato il lungo serpentone a toccare Gradizza, Formignana, Contrapo e Zocca.

Dopo un tratto sull’argine della Destra Po, le vespe sono arrivate al nuovo lido di Ro Ferrarese appena inaugurato. Ad accoglierle, il sindaco di Ro, Antonio Giannini: qui sono stati consegnati gli attestati di partecipazione.

Una volta tornati a Copparo, il primo cittadino Nicola Rossi insieme agli organizzatori hanno premiato il partecipante più anziano, 83 anni, e il più giovane, fino a chi arrivava da più lontano.

Un primo raduno nazionale di Copparo mosso dalla passione per la mitica due ruote ma soprattutto un evento dal risvolto benefico. Tutto l’incasso infatti sarà devoluto ad “AiRett”, l’Associazione italiana sindrome di Rett, una patologia progressiva dello sviluppo neurologico che colpisce quasi esclusivamente le bambine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *