Via Rambaldi, legale residenti: “La magistratura intervenga”

Dieci anni di paura in via Rambaldi poi sfociati in denunce davanti ai carabinieri di Porotto ed esposti. Tutti episodi fino a giovedì finiti davanti al giudice di pace ma che ora necessitano – sostengono i residenti – di un’azione giudiziaria più incisiva.

Dopo l’ultima aggressione di giovedì infatti la paura è tanta e il clima in quella strada è invivibile e per questo alcuni residenti che in un primo momento non erano convinti di passare alle vie legali ora hanno chiesto l’intervento di un avvocato…

I motivi di questo comportamento dei coniugi Dedoni ancora non si conoscono e per questo fra i residenti c’è incredulità e amarezza, dice l’avvocato Micai che chiede l’intervento della magistratura… Il 23 di maggio intanto parte il primo processo in cui sul banco degli imputati ci sarà la moglie di Dedoni accusata di aver aggredito tempo fa la sua vicina di casa, Maria Rita Volpi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *