Vigarano Mainarda ricorda il papà di E.T.

08 vigarano ricorda rambaldiUna lapide ed una serata fra le stelle per ricordare un vigaranese doc, Carlo Rambaldi, Due momenti distinti per commemorare nel primo anniversario della morte il vincitore di tre premi Oscar Cinematografici, inventore di E.T. e King Kong

Il momento istituzionale. Nella mattinata da sabato 10 c’è stata quella istituzionale. Davanti al municipio si è formato un corteo che, guidato dal sindaco Barbara Paron e da Riccardo Rambaldi (nipote di Carlo) si è recato in via don Minzoni per scoprire,davanti al civico N° 11, una lapide che ricorda che in quella casa Carlo Rambaldi è nato ed  ha vissuto l’infanzia e la prima gioventu’.

Assente perchè impegnato nel suo lavoro di regista il figlio Victor Rambaldi che al momento dello scoprimento della lapide si è messo in contatto, via telefono, con il sindaco Paron per ribadire e confermare che ogni iniziativa che omaggi la memoria del padre è gradimento della famiglia che venga concordata insieme al Comune. “Confermo “,ha poi spiegato il sindaco Barbara Paron, “che il museo con alcune delle opere del nostro prestigioso concittadino verrà collocato all’interno del nascente nuovo polo scolastico. Al corteo erano presenti, oltre alle autorità, diversi amici di infanzia di Carlo Rambaldi, cittadini e le associazioni dei Bersaglieri in congedo e del gruppo di protezione civile C.B.Club Enterprice.

In serata, nell’area verde del chiosco Little Dream, si è svolta l’iniziativa “una stella tra le stelle” organizzata da Comune e i gruppi “I Ragazzi della Rondona” e il “Brivan Day”. Tutto il paese è stato coinvolto. C’era il gruppo musicale “Feos’ Band”, con voce solista l’ex sindaco Daniele Palombo ora presidente Acer, assaggi gratuiti di maccheroni alla King Kong (per le grosse dimensioni dei piatti) preparati dal Centro Sociale di Borgo e le pennette “luminose”, a ricordare il dito di E.T., preparate dal ristorante antichi sapori.

Tutta l’area era ricoperta di stelle e c’erano anche i giochi di fuoco di Elisa, l’angolo delle profezie della maga Monica e la truccabimbi.Marica Borgatti, che dipingeva sul volto dei bambini stelle e immagine dei personaggi di Carlo Rambaldi. Il più richiesto era E.T. Tantissimi bambini, ma anche molti adulti, avevano preparato dei bigliettini per inviare, legati a palloncini dell’Avis, un pensiero a Carlo Rambaldi tra le stelle. A dare il via per lanciare in cielo i palloncini c’erano, insieme ai bambini festanti, il sindaco Barbara Paron il presidente dell’Avis Barbara Guerzoni e Fabio Bruschi referente de “I ragazzi della Rondona”.

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *