Vigarano, riposizionata la corona al Monumento dei caduti

Una cerimonia ripetuta come risposta di condanna ad un atto di vandalismo.

L’amministrazione comunale di Vigarano Mainarda e l’associazione Bersaglieri dell’alto ferrarese hanno infatti deciso di ripetere la cerimonia con la deposizione della corona d’alloro al cippo dei Bersaglieri  d’Italia, che era stata posizionata il 4 novembre, poi ridotta in brandelli da un gesto di vandalico.

Una cerimonia che ha visto la presenza delle associazioni  dei Bersaglieri delle provincie di Ferrara e di Bologna insieme alle associazioni dei Lagunari e dei Paracadutisti.

Il presidente provinciale dell’associazione dei Bersaglieri, Luca Ricci Maccarini, ha guidato tutte le fasi della cerimonia. In via 24 aprile si è formato il corteo, guidato dal gonfalone comunale, che si è recato nel giardino dei Bersaglieri, dove si trova il cippo in memoria dei fanti piumati.

Qui sono stati resi gli Onori Militari con le note del silenzio di una tromba solista eseguito fuori ordinanza mentre veniva deposta la corona al cippo.

E poi come per un grande abbraccio, tutti stretti intorno al cippo dei Bersaglieri d’Italia.

In segno di adesione all’iniziativa erano molti anche i civili che hanno voluto essere presenti alla cerimonia.

“Giusto ripetere la cerimonia per rispetto del simbolo che è stato oggetto di vandalismo e della comunità vigaranese, sempre rispettosa nel ricordare i caduti, che non meritava che nel nostro comune venisse offesa cosi duramente la memoria dei nostri caduti. Ha commentato il sindaco Davide Bergamini che guidava la rappresentanza istituzionale formata da assessori e consiglieri comunali,  e il Maresciallo Giuseppe Tammaro  era in rappresentanza della locale stazione dei Carabinieri. Ma al corteo hanno partecipato anche molti civili in segno di adesione alla cerimonia.

“Sull’accaduto dovremo riflettere e impegnarci tutti perchè non debba mai più ripetersi” ha ribadito il primo cittadino.

“Saremo sempre attenti e vigili per evitare che gesti vigliacchi non debbano più succedere verso il rispetto dovuto alla memoria di chi, con la sua vita, ci ha garantito il beneficio della libertà che godiamo oggi” ha detto il Gabriele Strozzi, presidente Regionale associazione Bersaglieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *