Vigili fuoco, comandante-sindacato: è scontro

07 vigili del fuocoL’incendio di Mirabello ha riaperto la discussione sulla questione pasti dei vigili del fuoco. Dopo le dichiarazioni del sindacato l’indomani il rogo dell’azienda Lodi, oggi ha replicato il comandante dei vigili.

Continua il braccio di ferro tra il comandante dei vigili del fuoco di Ferrara, Cristiano Cusin, e il sindacato Conapo, da più di un mese in stato di agitazione contro la dirigenza. L’incendio nell’azienda Lodi di Mirabello di domenica scorsa ha riaperto alcune questioni al centro della discordia.

Turni massacranti, difficoltà nel consumare i pasti e l’acqua da bere: questi i problemi portati alla ribalta dal segretario Conapo, Paolo Franzoso, dopo che i vigili del fuoco hanno iniziato a presidiare 24 ore su 24 l’incendio di Mirabello. In giornata, con una nota, ha replicato il comandante dei vigili: “A fronte dei gravi problemi occupazionali presenti nel paese, spiace dover dare risalto ad una problematica che sicuramente è di minore rilevanza quale la gestione delle mense e buoni pasto del comando”.

Inizia così la replica di Cusin, che sottolinea come a Mirabello sia disponibile un camper per i vigili di turno provvisto di frigorifero, doccia e posti letto. “L’acqua da bere per i vigili c’è” continua il dirigente, “ed è stata offerta dal Comune”.

Capitolo cena, su cui il sindacato Conapo ha espresso le maggiori lamentele: per il comandante si può cenare grazie ai buoni pasto da 7 euro prima di entrare in servizio nel turno serale, ovvero a partire dalle 20. Per quel che riguarda i turni di lavoro massacranti da 12 ore invece, Cusin auspica una revisione dell’orario a livello nazionale con periodi di lavoro di durata inferiore.

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *