Vigili del fuoco a digiuno, la protesta del sindacato

Vigili del fuoco di Ferrara
Archivio

Stato di agitazione per i vigili del fuoco di Ferrara e provincia.

A proclamarlo è stato CO.NA.PO., il Sindacato Autonomo dei Pompieri attraverso il proprio segretario provinciale Paolo Franzoso che, tramite una nota, segnala che i vigili del fuoco sarebbero senza mensa di servizio.

La protesta sarebbe scattata il primo gennaio 2018, da quando è entrato in vigore il catering veicolato o il buono pasto obbligatori per i pompieri.

“Due modalità”, sottolinea Franzoso, “che non si conciliano con i turni dei vigili del fuoco”: il segretario porta l’esempio delle sedi di Cento, Portomaggiore, Codigoro e Comacchio, dove è stato imposto il buono pasto. Qui, per il sindacato, l’1 e il 2 di gennaio, nei turni diurni e notturni, i vigili del fuoco sarebbero rimasti senza pranzo e soprattutto senza cena. “Una situazione incredibile”, commenta Franzoso che chiede l’intervento del comando di Ferrara e proclama lo stato di agitazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *