Violenza sulle donne, “Questo non è amore” il servizio della polizia di stato che assiste anche a S. Valentino – VIDEO

Si chiama “Questo non è amore” ed è un servizio attivato nella giornata di oggi e domani all’interno della questura di Ferrara per offrire assistena, anche nel giorno di San Valentino, alle donne che hanno subito violenza.

Si può anche chiamare basta comporre  lo 0532.294677 o mandare  una mail a questo indirizzo: urp.quest.fe@pecps.poliziadistato.it

 
Se ti ricatta: questo non è amore. Se ti minaccia: questo non è amore. Se ti isola, umilia e offende: questo non è amore. Se ti uccide: questo non è amore.

“Questo non è amore” è il nome di una campagna che la polizia di stato ha deciso di adottare nel giorno di San Valentino per stare vicino a quelle donne che in nome di un amore che non c’è hanno subito violenza.

Sono stati 108 i femminicidi nel 2016 comunica il ministero degli interni, meno che nel 2014 con 117 donne morte, ma se il dato è sceso è pur sempre un numero inaccettabile se si parla di vite umane. Secondo i numeri forniti dal ministero infatti ogni tre giorni e mezzo una donna viene uccisa e spesso in ambito familiare.

E ancora. Ogni tre giorni e mezzo si registrano 9 violenze sessuali ai danni delle donne e oltre 23 atti persecutori.

Tutti numeri che fanno rabbrividire ed ecco perché la polizia di stato, all’interno della questura di Ferrara, per la giornata di oggi, San Valentino e domani, mercoledì 15 febbraio, ha messo a disposizione un team di esperti, presso la divisione Anticrimine affinché offra per assistenza alla donna che sia vittima di violenza.

Si tratta di operatori specializzati, in prevalenza donne che con personale della polizia in questi casi, con l’ausilio di medici e psicologici offre assistenza a chi vuole chiedere, ma molto spesso se la violenza è consumata in ambito familiare, deve chiedere aiuto.

Il servizio è partito lo scorso luglio, si è già diffuso in 22 province, compresa la nostra che da anni offre assistenza alle donne grazie al Centro Donna giustizia.

La polizia di stato inoltre con la campagna “Questo non è amore” ha permesso di contattare quasi 20mila persone, in maggioranza donne.

Un servizio che ha permesso inoltre – informa la questura di Ferrara – che diffonde informazioni sugli strumenti di tutela in situazioni di violenza e stalking di solito ingabbiati in un dolore domestico.

Serve denunciare quando una donna pensa di subire una violenza da un uomo, anche se questa è solo psicologica. E gli strumenti di tutela che dà la Legge, sono diversi: c’è infatti l’ammonimento al divieto di avvicinamento, fino ai domiciliari e al carcere per i casi più gravi.
La polizia di stato inoltre in questa prospettiva ha anche adottato il protocollo Eva, l’acronimo d Esame delle violenze agite, che mette in rete tutte le questure e consente agli equipaggi che si trovano ad agire per una richiesta di soccorso da parte di una donna di sapere in tempo reale se l’aggressore ha dei precedenti in altri ambiti familiari.

Le donne che hanno paura chiamino. Basta comporre un numero: 0532.294677 o mandino una mail a questo indirizzo: urp.quest.fe@pecps.poliziadistato.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.